Moria del kiwi. Calandrini (): governo conferma fondi per la ricerca ma Ministero acceleri i tempi

“Il ministero dell’Agricoltura è conscio della gravità del fenomeno della moria del kiwi e dei danni che sta causando alle coltivazioni. Per questo sta studiando da tempo il fenomeno e ha in programma di istituire un gruppo di tecnico scientifico per coordinare le attività di ricerca e valutare interventi mirati sulla base dei risultati emersi. Questa la risposta che mi è stata fornita dal sottosegretario L’Abbate alla mia interrogazione discussa oggi nella Commissione Agricoltura del Senato.  Prendo atto del del Mipaaf e di quello della Commissione Agricoltura, che da oltre un anno sta seguendo il tema con audizione mirate. Tuttavia quella della moria del kiwi resta un’emergenza che si trascina ormai da anni, partita dal Veneto per arrivare nell’ultimo periodo a colpire pesantemente anche le coltivazioni delle province di Roma e Latina, note per l’eccellenza del loro prodotto, esportato in tutto il mondo. Il sottosegretario mi ha confermato che ci sono dei fondi a disposizione e che è intenzione del Ministero destinarli ad un gruppo di composto da Università e CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria). Allo stesso tempo nella risposta è emerso che la Regione Lazio intende finanziare con estrema urgenza specifiche attività di studio, coinvolgendo esperti del settore. Auspico che non si perda ulteriore tempo e che ciascuno faccia la propria parte affinché siano messe a disposizione le risorse umane ed economiche per avviare ulteriori ricerche e trovare una soluzione che sia di supporto ai coltivatori che assistono impotenti alla morte delle piante e alla perdita del frutto”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Nicola Calandrini.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,508FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x