Morto tabaccaio colpito da migrante a Napoli. E De Magistris chiede più accoglienza?

È purtroppo morto in ospedale il tabaccaio napoletano di 52 anni, preso a pugni da un nigeriano richiedente asilo lo scorso 9 giugno nella stazione Chiaiano della metropolitana di Napoli.

Ulderico Esposito, era stato colpito con un pugno in testa dal migrante, per futili motivi e versava da tempo in gravi condizioni. L’immigrato, un 36enne, venne arrestato dalla Polizia di Stato con l’accusa di aggressione e lesioni gravi, reato destinato ora a trasformarsi in omicidio preterintenzionale.

Sulla vicenda è intervenuta anche Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia, attaccando duramente il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: “Morto dopo un mese di agonia il tabaccaio aggredito da un nigeriano davanti la sua attività. E mentre l’ennesima aggressione ai danni di un cittadino napoletano si trasforma in tragedia, De Magistris continua a chiedere più accoglienza per gli immigrati…”.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,373FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati