Mozione Ucraina: ad Andria il Pd boccia testo di FdI per poi votarne uno uguale

Impegnare il Governo nazionale alla ferma condanna del conflitto russo-ucraino, intensificare l’accoglienza dei profughi e la spesa militare; istituire meccanismi economici europei per far fronte alle conseguenze delle sanzioni alla Russia e una cabina di regia fra colossi energetici (ENI-ENEL) per individuare soluzioni immediate agli effetti catastrofici che stanno mettendo a dura prova i cittadini e i lavoratori italiani: temi fortemente d’attualità, istanze di cui i comuni italiani si stanno facendo carico. Tutti tranne Andria, dove il Pd cittadino, nella seduta del consiglio comunale di ieri, lunedì 20 luglio, è riuscito a bocciare l’odg sulla crisi in Ucraina proposto da Fratelli d’Italia protocollato il 28 febbraio scorso, a quattro giorni dall’inizio del conflitto.

La mozione ha meritato addirittura l’appellativo di “aria fritta” e di “mozione inutile” da parte del capogruppo di una civica di centrosinistra, seguito poi da un lungo intervento di geopolitica e diritto internazionale del capogruppo del PD.
Com’è andata a finire? È stata votata una mozione quasi identica presentata dal Partito Democratico nello stesso periodo. A varcare la soglia del ridicolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,494FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati