Natale 2019, il Presepe sotto attacco: offese, vandalismi, strumentalizzazioni

L’Epifania, assieme a tutte le feste, porta via anche le polemiche che si sollevano ogni anno durante il periodo natalizio. Quando Gaspare, Melchiorre e Baldassarre giungeranno alla Grotta, basteranno poche ore per smantellare tutti i simposi e tutti i simboli del Natale che, dal giorno dell’Immacolata, nonostante una considerevole crisi valoriale, identitaria e religiosa, incominciano ad imporsi nelle case d’Italia.

Il Presepio, italianissimo emblema del Santo Natale – specialmente al Sud – per trasposizione raffigurativa della storia e della religione, di personaggi di colore ne ha soltanto uno: il Magio Baldassarre. Eppure, qualche genio nostrano dello pseudo-pensiero progressista, ha inventato e brevettato una nuova forma di presepe: quello immigrazionista.

Milano, già offesa dalle palme del sultano Sala, si è trovata a dover ospitare il primo prototipo di questa trovata. In via Brambilla, presso la Casa della Carità, è stato allestito un presepio dal mero scopo politico. La Madonna e San Giuseppe, a bordo di un barcone, sono circondati da una recinzione di filo spinato su cui capeggia la scritta “Per loro non c’era posto”. Una sgradevole strumentalizzazione dei simboli cristiani che cerca di avvicinare, per certi versi, il Vangelo di Luca a quello di Soros. Ecco quanto afferma in merito il consigliere comunale e regionale Silvia Sardone “Insomma l’ennesimo tentativo di sfruttare simboli del Natale per lanciare messaggi politici e rovinare le nostre tradizioni. Dopo le polemiche dei giorni scorsi in alcune scuole dove si cerca di cancellare il Natale, ora ecco il Presepe usato come clava pro immigrazione”.

Anche Udine ha dovuto sopportare un episodio simile a quello milanese. Nel giorno di Natale, a Piazza del Pozzo, i volti delle sagome del presepe allestito dall’amministrazione comunale sono stati imbrattati con delle bombolette marroni per mano di qualche vandalo. Le sagome, inoltre, sono state ricoperte da scritte antirazziste. Indignato dal gesto, così dichiara il sindaco di Udine Pietro Fontanini «Quello del presepe imbrattato è un atto di blasfemia contro la religione cattolica, che ci preoccupa molto. È la seconda volta nel giro di poco tempo che il presepio di piazzetta del Pozzo, in pieno centro a Udine, è oggetto di un attacco con frasi ingiuriose». L’episodio viene condannato soprattutto dalla destra udinese. “Quanto accaduto ieri al presepe di piazzetta del Pozzo è un oltraggio alla città e a tutta la religione cristiana, un serio atto vandalico, che deve essere condannato da tutte le forze politiche. È un gesto ancor più grave se si pensa che tali vandali hanno agito durante la Notte Santa. Mi auguro che sia fatta al più presto chiarezza e che siano individuati quanto prima i responsabili di tale gesto.” Lo dichiara in una nota il Capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio comunale Luca Onorio Vidoni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,818FansLike
3,684FollowersFollow

Leggi anche

Clientelismo sinistro. Emiliano firma assunzioni in campagna elettorale.

Mancano due giorni all’election day, all’interno di una tornata elettorale che potrà stravolgere ulteriormente gli equilibri di potere in alcune Regioni storicamente rosse, e...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Clientelismo sinistro. Emiliano firma assunzioni in campagna elettorale.

Mancano due giorni all’election day, all’interno di una tornata elettorale che potrà stravolgere ulteriormente gli equilibri di potere in alcune Regioni storicamente rosse, e...

Meloni: sinistra bugiarda e spaventata dal voto. Sfido Zingaretti e Gualtieri.

"Una sinistra bugiarda e spaventata dal risultato del prossimo lunedì continua a dire che non avremmo proposte da dare agli italiani. Sfido pubblicamente Nicola...

Cina: fuga di batteri da un laboratorio fa ammalare 3000 persone

Sarebbero oltre 3000 le persone che si sono ammalate in Cina nord-occidentale dopo la fuoriuscita di batteri da un impianto biofarmaceutico che produceva vaccini...

Grecia, arrestati sei migranti per l’incendio del campo di Moria a Lesbo

I media greci hanno pubblicato un filmato che ritengono riprendere migranti che appiccano il fuoco durante l'incendio del campo di Moria che ha lasciato...