Non solo Covid. L’emergenza silenziosa dei malati dimenticati.

647 views

La lettera inviata in questi giorni al Premier Conte da Francesco Cognetti, presidente Fondazione Insieme contro il Cancro e direttore Oncologia Medica al Regina Elena di Roma rompe finalmente il silenzio su quel che accade a latere dell’emergenza Coronavirus. Perché oltre ai malati di Covid continuano ad esserci milioni di persone alle prese con cure e terapie importanti: infartuati, pazienti oncologici, diabetici, pazienti con esiti di ictus e malattie invalidanti.

La ConFederazione degli Oncologi, Cardiologi e Ematologi, rappresentata da Cognetti, già da Aprile scorso aveva richiesto un incontro al Premier per entrare a far parte della cabina di regia che stava definendo le strategie della ripresa in modo da prendere in considerazione le specifiche esigenze dei pazienti colpiti da neoplasie e cardiopatie per definire percorsi specifici.
I dati indicati nella lettera dove si richiede un urgente incontro con il Premier sono allarmanti: negli scorsi mesi di marzo e aprile, i pazienti oncologici e con malattie cardiovascolari sono andati incontro a sospensioni di terapie o cancellazioni di interventi chirurgici, visite di controllo e altri gravi inconvenienti. Non solo. In quel periodo, circa il 20% dei pazienti oncologici ed ematologici, che avrebbe dovuto essere sottoposto a trattamenti utili, ha scelto di non recarsi nei centri per timore del contagio. I ricoveri ospedalieri di emergenza per infarti e ictus si sono dimezzati, molte persone sono morte a casa o sono sopravvissute con danni gravi al cuore o al cervello, perché gli eventi cardiovascolari gravi sono tempo-dipendenti. Il rinvio degli interventi di angioplastica coronarica e di altre procedure elettive ha portato a un aumento della morte prevenibile e della disabilità e ad un arretrato dei tempi di attesa difficile da riassorbire.

Per non parlare della prevenzione: sono stati persi circa un milione e mezzo di esami per lo screening e la diagnosi precoce dei tumori della mammella, del colon-retto e del collo dell’utero tanto che a distanza di pochi mesi già vengono osservati quadri di tumore più avanzati ed è prevedibile un aumento consistente di mortalità per queste malattie nei prossimi anni.

Da questa lettera apprendiamo poi una cosa sconvolgente, e cioè che tali attività di prevenzione, dopo i 3 mesi di emergenza Covid, non siano mai ripartite nella maggior parte delle Regioni. In generale quindi i ritardi nelle cure e la disincentivazione della prevenzione rischiano di compromettere la sopravvivenza di molti pazienti. E ci sembra di essere tornati indietro negli anni.
Bisogna prendere coscienza una volta per tutte che dovremo imparare a convivere con questo nuovo virus come abbiamo convissuto con i tanti suoi predecessori, certo rafforzando, nel tempo, i nostri strumenti di difesa, ma proseguendo nei progressi che con tanta fatica erano stati fatti nell’ambito della cura delle principali patologie killer, ancor prima del Covid come tumore e infarto, quest’ultimo ancora tra le principali cause di morte in tutta la popolazione italiana.

E invece secondo uno studio condotto dalla Società Italiana di Cardiologia (SIC), illustrato da Ciro Indolfi Ordinario di Cardiologia Università Magna Graecia di Catanzaro, condotto in 54 ospedali italiani e in corso di pubblicazione sulla prestigiosa rivista European Heart Journal, scopriamo che in tempi di Coronavirus i morti di infarto sono addirittura triplicati. La mortalità infatti, sarebbe tre volte maggiore rispetto allo stesso periodo del 2019. tanto che gli esperti avvertono: abbassare la guardia sulle malattie cardiovascolari, responsabili di circa 260 mila decessi ogni anno, e non ricostruire la rete dell’emergenza cardiologica, potrebbe causare più morti che per Covid-19.
Il cattedratico sottolinea che “l’organizzazione degli Ospedali e del 118 in questa fase è stata dedicata quasi esclusivamente al Covid-19 e molti reparti cardiologici sono stati utilizzati per i malati infettivi. Inoltre, per timore del contagio i pazienti ritardano l’accesso al pronto soccorso e arrivano in ospedale in condizioni sempre più gravi, spesso con complicazioni aritmiche o funzionali, che rendono molto meno efficaci le terapie che hanno dimostrato di essere salvavita come l’angioplastica primaria”.

Insomma non ci sono dubbi, qui si è perso completamente il senso delle proporzioni e della misura e le conseguenze sono e saranno tragiche!

Letizia Giorgianni
Letizia Giorgianni
O te ne stai in un angolo a compiangerti per quello che ti accade o ti rimbocchi le maniche, con la convinzione che il destino non sia scritto. Per il resto faccio cose, vedo gente e combatto contro ingiustizie e banche. Se vuoi segnalarmi qualcosa scrivimi a info@letiziagiorgianni.it
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,961FansLike
4,057FollowersFollow

Leggi anche

Alluvione in Sardegna, Meloni: addolorata per le vittime e solidarieta’ ai cittadini. Grazie A Protezione Civile, Forze Dell’Ordine e Vigili Del Fuoco

«Solidarietà ai cittadini di Bitti e di tutta la Sardegna colpiti da un’alluvione. Sono profondamente addolorata per le vittime. Grazie di cuore a Protezione...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Alluvione in Sardegna, Meloni: addolorata per le vittime e solidarieta’ ai cittadini. Grazie A Protezione Civile, Forze Dell’Ordine e Vigili Del Fuoco

«Solidarietà ai cittadini di Bitti e di tutta la Sardegna colpiti da un’alluvione. Sono profondamente addolorata per le vittime. Grazie di cuore a Protezione...

Covid: Ministero dei trasporti senza coraggio e capacità di pianificazione.

Si ritorna a parlare di TPL dedicato agli studenti, trasporto scolastico da non confondere con lo scuolabus, bene di altro spessore tutelato dai Comuni. Il...

L’ONU annuncia il grande fratello globale dei social media.

Le Nazioni Unite si sono unite al World Economic Forum (WEF) per annunciare un servizio di notizie globale sul coronavirus, dichiarando che è giunto...

Covid, Meloni: perché non festeggiare Capodanno spostando le lancette in avanti come in un film di Fantozzi? Governo imbarazzante.

«“Fare nascere Gesù Bambino due ore prima non è un’eresia” (Ministro Boccia). Già che ci siamo perché non festeggiare Capodanno spostando le lancette dell'orologio...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x