Oleksandr Shulga: “L’Occidente deve capire che, a differenza di Putin, i russi hanno dei limiti”

La nostra guerra è difensiva e mira a cacciare l'invasore e a dimostrare al regime e alla società russa che questa guerra è inutile e non porterà a nulla

Riportiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicata su Deliberatio

Il dottor Oleksandr Shulga è il direttore dell'Istituto per gli studi e l'analisi dei conflitti russi (IKAR), l'unica istituzione ucraina che monitora gli sviluppi sociologici in Russia e che attualmente si concentra sull'analisi di ciò che viene pubblicato sui media e sui social network russi. Shulga ha 16 anni di esperienza avanzata nel campo della ricerca sociologica quantitativa e qualitativa e ha condotto studi in vari campi, tra cui il potenziale rischio di escalation delle tensioni e dell'instabilità.

La “Road Home”, un'associazione di madri e mogli di soldati russi, è stata recentemente dichiarata “agente straniero”. È questo, come nella guerra in Afghanistan, il tallone d'Achille della Russia?

La società russa è contraria a una nuova mobilitazione di massa e questo è, a mio avviso, il motivo per cui non ha ancora avuto luogo. Questo ha portato anche a un aumento significativo del denaro offerto ai volontari per arruolarsi, da un milione di rubli (circa 10.000 euro) a un milione e 700.000 rubli in alcune regioni (17.000 euro). Questo è un segno molto chiaro che il regime russo è alla disperata ricerca di reclute a causa delle elevate perdite. Ovviamente, sarebbe molto più conveniente annunciare una mobilitazione di massa, ma non lo fanno, e persino gli ultranazionalisti che hanno chiesto la mobilitazione sono in carcere o tacciono per paura di essere arrestati.

Questo è un grosso problema per il regime, che ha bisogno di tempo per costruire risorse umane ed equipaggiamenti, ed è la ragione per cui vuole congelare il conflitto, una sorta di Minsk 3.

Le organizzazioni di madri e mogli di soldati, come “Road Home”, sono un problema perché il regime non può imprigionare e reprimere apertamente i loro membri, ma può limitarne le attività dichiarandoli “agenti stranieri”.

Il denaro, almeno con gli stranieri, si guadagna se si sopravvive. Non si guadagna se il soldato è disperso. Per esempio, nell'affondamento della Movska, la Russia ha dichiarato che c'era un morto e 27 dispersi.

Esatto, i parenti dei caduti in azione ricevono denaro, ma i parenti dei dispersi in azione non ricevono nulla. Ci sono stati casi in cui se i corpi sono irriconoscibili, a causa delle ferite riportate per mano dell'artiglieria o dei droni, la loro non viene riconosciuta e quindi nessuno riceve il proprio risarcimento economico. L'atmosfera che si respira in Russia è che il governo si disinteressa completamente dei soldati e delle loro famiglie. Non è un modello di esercito molto umano.

Un altro punto molto importante sono gli enormi stipendi se si sopravvive, ma questo non accade solo con i mercenari provenienti dall'Africa o dal Nepal, ma anche con i soldati russi. Considerando ciò che sta accadendo in prima linea, potremmo dire che l'esercito ucraino sta facendo risparmiare molti soldi al bilancio militare russo.

Un gruppo di soldati ha pubblicato un in cui afferma di essere stato inviato a Rostov per una visita medica, ma di essere stato portato al fronte. Che razza di esercito fa una cosa del genere?

Un esercito che ha bisogno di “carne da cannone”. È anche importante notare la dissonanza che abbiamo visto con i criminali e gli stupratori che hanno potuto tornare a casa, in alcuni casi per tornare a commettere crimini, dopo sei mesi di servizio. Tuttavia, i soldati mobilitati non torneranno a casa fino alla fine dell'operazione “Spazio militare”.

In altre parole, coloro che hanno rispettato la legge sono in guerra da più di un anno e non hanno alcuna prospettiva di tornare a casa. Questo non ha ancora danneggiato il regime del Cremlino perché i soldati mobilitati provengono da zone molto diverse e disperse della Russia.

La mobilitazione è enorme in regioni come la Buratia, con il 10%, mentre a San Pietroburgo interessa solo lo 0,2%.

La mobilitazione viene evitata in luoghi dove le proteste possono avere luogo o dove la capacità organizzativa delle famiglie è maggiore. È cinico, ma logico.

Ma l'attuale costo in vite dell'esercito russo non costringerà il Cremlino a una maggiore mobilitazione?

Credo che il reclutamento degli stranieri aumenterà, e in effetti questa è la prova migliore dei problemi di mobilitazione. Tuttavia, il loro numero sembra insufficiente per soddisfare le esigenze della Russia sul fronte. I proiettili e i droni sono disponibili in altri Paesi, ma i soldati no. Ecco perché la Russia sta offrendo ingenti somme di denaro per incoraggiare i volontari.

Dopo la visita di Putin in Corea del Nord, sembra che il regime comunista possa inviare soldati in Ucraina, anche se sembra che saranno di retroguardia.

Sì, il punto è ritardare una nuova mobilitazione perché il regime di Putin non ha indubbiamente problemi con una guerra prolungata, perché non ha limiti né freni morali. Ma la società russa, che sta deponendo i morti, può reagire ai fallimenti del suo esercito o ai successi ucraini, e questo può influenzare la condotta della guerra. È importante che l'Occidente capisca che, a differenza di Putin, i russi hanno dei limiti.

Sembra che i primi F16 siano finalmente operativi in Ucraina. Le armi occidentali, nonostante arrivino tardi e male, fanno la differenza?

Certamente. L'uso di armi precise come gli HIMARS in territorio russo ha avuto un effetto immediato sulle operazioni nemiche contro Kharkiv, che si sono concluse con un fallimento. Immaginate l'effetto che possono avere le armi a più lungo raggio. È anche comune sentire che le armi occidentali, come l'F16, non faranno la differenza perché il loro numero è irrilevante; lo stesso è stato detto del Javelin, dell'M777 o dell'HIMARS. La verità è che queste armi fanno la differenza e tutte saranno decisive per vincere la guerra; la prova migliore è che l'Ucraina resiste ancora alle truppe russe e difende il fronte.

La nostra missione non è conquistare la Russia, non lo vogliamo. La nostra guerra è difensiva e mira a cacciare l'invasore e a dimostrare al regime e alla società russa che questa guerra è inutile e non porterà a nulla.

Tuttavia, sembra che la maggior parte della società russa si fidi ancora della narrazione ufficiale. Pensa che i media russi siano altrettanto efficaci in Russia quanto lo sono in Occidente nel distorcere la realtà?

La propaganda nei Paesi occidentali è molto pericolosa e ha molto successo. Un buon esempio è stata la manovra di Putin prima della conferenza di pace in Svizzera: “Datemi quattro intere regioni e immediatamente ci sarà un cessate il fuoco e la pace”. Ha fatto come Hitler 90 anni fa in Austria o in Cecoslovacchia. Molti in Occidente hanno dimenticato il passato e ascoltano questi canti di sirena che non sono altro che bugie.

Per quanto riguarda i russi, la propaganda utilizza tutti i miti e i pregiudizi della loro società. Ad esempio, l'antiamericanismo, l'antioccidentalismo o la superiorità della Russia sugli altri popoli. Così, gli ucraini vengono presentati sotto questa luce e si sostiene che la guerra mira a “liberare gli ucraini” da questi mali. Questo bene superiore giustifica la guerra di aggressione e tutto ciò che ne consegue. È una menzogna, certo, ma utilizza argomenti profondamente radicati nell'opinione pubblica russa ed è per questo che è così efficace. Inoltre, la propaganda, a differenza della verità, non conosce limiti.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x