Orbán: in tutta Europa sentiamo echi della Dottrina Brezhnev.

Viktor Orbán ha tracciato le linee guida della battaglia contro la sinistra ungherese, i suoi sostenitori internazionali nell’Unione Europea e nella stampa estera, e Big Tech in un discorso appassionato e di ampio respiro per commemorare la rivolta del 1956 contro il governo fantoccio comunista del paese di allora.

“Ci sono momenti nella vita delle nazioni in cui improvvisamente tutti sentono ‘Quando è troppo è troppo, le cose non possono più andare avanti così’. Dobbiamo decidere, e la nostra decisione mostra chi siamo veramente”, ha detto il leader ungherese parlando della ribellione dell’era della guerra fredda, che ha visto forse 3.000 rivoluzionari uccisi e oltre 700 vittime inflitte alle forze comuniste sovietiche nel paese.

“Il valore di un’intera nazione viene rivelato: rimane in silenzio o protesta; acconsente o si ribella; distoglie lo sguardo o si alza; si allontana o combatte. Non ci si può nascondere, perché si è di fronte alla rivelazione di una verità superiore che non ammette discussioni: si deve stare da questa parte o da quella. In un istante diventa chiaro chi è buono e chi è cattivo, chi sta dalla parte giusta della storia e chi dalla parte sbagliata”, ha dichiarato Orbán nel suo discorso, la cui trascrizione è stata vista e ripresa da Breitbart.

“Noi ungheresi abbiamo preso la decisione giusta: abbiamo protestato, siamo rimasti in piedi, ci siamo ribellati e abbiamo combattuto. Libertà contro schiavitù, indipendenza contro occupazione, patrioti ungheresi contro comunisti. Ricordiamo quel giorno meraviglioso in cui noi ungheresi abbiamo mostrato al mondo e ai nostri nemici chi siamo veramente. Ricordiamo il giorno in cui ci siamo chiesti non se Dio era con noi, ma se noi eravamo con Dio”, ha aggiunto.

Il primo ministro Orbán ha paragonato la rivolta del 1956 alle proteste contro il governo di sinistra che ha preceduto il suo nel 2006, dopo che una sfuriata carica di imprecazioni in cui l’ex primo ministro Ferenc Gyurcsány – ancora uno dei principali politici dell’opposizione e bollato come “il fantasma del Parlamento” dal suo successore – ha ammesso che il suo partito ha “mentito mattina, mezzogiorno e sera” al popolo ungherese è stato divulgato al pubblico.

“La loro ascesa al potere è stata pagata con le bugie”, ha detto Orbán del precedente governo socialista.

“Ci hanno stregato con la promessa di tagli fiscali – e poi hanno aumentato le tasse. Tasse ospedaliere, copagamenti negli ambulatori dei medici, bollette alle stelle. Hanno tolto la tredicesima mensilità e abolito gli assegni familiari. In collusione con il mondo delle banche internazionali hanno attirato centinaia di migliaia di famiglie nella trappola del debito in valuta estera. Il paese è stato svenduto, tutto è stato venduto agli stranieri: aeroporti, compagnie energetiche nazionali, servizi pubblici. E dopo averlo saccheggiato, hanno mandato in bancarotta l’intero paese e ci hanno attaccato al collo il guinzaglio del FMI.

“E quando abbiamo alzato la voce per protestare, hanno risposto con gas lacrimogeni, con proiettili di gomma e con attacchi della polizia a cavallo. Hanno fatto sparare agli occhi delle persone e hanno preso a manganellate donne e anziani indifesi. Quindici anni fa, qui dove siamo ora, le strade di Pest erano intrise di violenza, sangue e lacrime. Tutto questo è successo nel cinquantesimo anniversario della rivoluzione del ’56, ed è stato visto dal mondo”, ha accusato, ricordando le proteste del 2006.

“Lo dirò lentamente, in modo che tutti capiscano: non dimenticheremo mai quello che hanno fatto!

Orbán ha inoltre ricordato che quando il suo partito tornò al governo nel 2010 e “fece lo scalpo dei profitti extra delle multinazionali” e “mandò a casa il FMI”, fu “attaccato da tutta l’Unione Europea”.

“E ci hanno attaccato anche quando abbiamo fermato i migranti, costruito la recinzione e difeso i nostri confini. Decine di primi ministri hanno attaccato l’Ungheria”, ha proseguito, toccando le battaglie contemporanee che stanno colorando la campagna già in corso in vista delle prossime elezioni nazionali ungheresi del 2022.

“Gli alti dignitari dell’Europa stanno ancora una volta cercando di scavalcarci per prendere decisioni sul nostro destino, ma senza il nostro consenso. Ci costringono a essere europei, sensibili e liberali – anche se questo ci uccide. Oggi le parole e le azioni che Bruxelles rivolge a noi e ai polacchi sono come quelle solitamente riservate ai nemici”, ha detto, riferendosi ai continui sforzi del blocco globalista per mettere in ginocchio i due paesi conservatori nazionali – che sono diventati particolarmente acrimoniosi con la Polonia da quando il tribunale costituzionale ha stabilito che la legge dell’UE non dovrebbe sempre avere la supremazia sulla costituzione polacca.

“Abbiamo una sensazione di déjà vu, perché in tutta Europa sentiamo echi della Dottrina Brezhnev”, ha detto Orbán, riferendosi alla vecchia politica dell’Unione Sovietica di intervento diretto negli affari dei suoi cosiddetti stati satelliti, che includevano Ungheria e Polonia.

“È ora che Bruxelles capisca che siamo più che all’altezza anche dei comunisti. Siamo la sabbia negli ingranaggi della macchina, il bastone incastrato nei raggi, la spina nella carne. Siamo il Davide che Golia farebbe bene a evitare”, ha avvertito.

Con le opposizioni ungheresi che si sono unite per cercare di spodestare il partito Fidesz di Orbán l’anno prossimo – i partiti di sinistra si sono uniti anche con Jobbik, un’organizzazione di estrema destra denunciata come un “partito neonazista” dal presidente del Congresso ebraico europeo già nel 2014, per raggiungere i loro scopi – il primo ministro in carica ha avvertito gli elettori di guardarsi dai candidati “dell’unità” che a suo parere sono “lupi travestiti da pecore”.

“Sta scritto così: ‘Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi travestiti da pecore… Li riconoscerete dai loro frutti… ogni albero buono porta frutti buoni, ma un albero cattivo porta frutti cattivi’. Infatti, sull’albero della sinistra l’unica politica che può crescere è la politica di sinistra. C’è solo una sinistra, per quanto diversi siano i tipi di trucco di scena che indossano. Iniziano con le bugie, continuano con la violenza, e nella loro scia lasciano la bancarotta”, ha detto il cristiano conservatore, citando il Libro di Matteo.

Orbán ha inoltre avvertito che “da qualche parte al di là della ‘Grande Acqua’, anche lo zio George si sta preparando” – un riferimento alla sua nemesi di lunga data George Soros, il plutocrate ungherese-americano e sostenitore dell’ di massa.

“Quando avrebbero dovuto venire da laggiù, non l’hanno fatto; ora sono qui quando non li abbiamo chiamati”, ha detto di politici e attivisti occidentali che cercano di giocare un ruolo nella politica ungherese – e il fallimento dell’Occidente nel prendere posizione con loro contro i sovietici nel 1956.

“Ora gli occupanti non cercano di imporci i loro commissari, ma di farli eleggere. Ora non usano armi da fuoco, ma Facebook. Penso che ci abbiano frainteso: il nostro invito era di liberarci dall’occupazione sovietica, non di interferire nella nostra democrazia”, ha osservato sarcasticamente.

Il tema della sinistra ungherese come burattini di interessi stranieri nell’Unione europea e altrove, proprio come il governo fantoccio comunista del 1956, ha attraversato il discorso di Orbán, con il leader conservatore che ha avvertito i sostenitori che, mentre “ci sono molti che non prendono sul serio i nostri avversari”, il “potere degli attori internazionali che sono dietro di loro” non dovrebbe essere preso alla leggera.

“Hanno fatto a gara per vedere chi di loro potrebbe governare sugli ungheresi per grazia di Bruxelles e George Soros come loro governatore in Ungheria: chi potrebbe essere il nuovo pascià di Buda, il nuovo capo del consiglio reale dei governatori, o il nuovo segretario generale del partito. Dicono apertamente che per riconquistare il potere si alleeranno persino con il diavolo. Il loro obiettivo è di togliere l’Ungheria dalle mani di Maria e metterla ai piedi di Bruxelles”, ha accusato.

“Ciò che è potente, ciò che è la vera sfida, e anche una minaccia, è il loro sostegno internazionale: il denaro, i media e la rete dietro di loro. Questa è una forza formidabile”, si è lamentato – ma ha concluso con una nota di sfida:

Li stiamo mettendo in guardia: finora quelli che ci hanno morso ne sono usciti con i denti rotti o smussati. Indipendentemente dalla potenza del nemico, non siamo fuggiti; e non ci tireremo indietro nemmeno adesso.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

  1. Grande Orban !!!! Ha risuscitato l’Ungheria dalla miseria,dalla disperazione, dall’oscurantismo e ne ha fatto una nazione e paese moderno, ricco, colto, all’avanguardia e modello per il mondo occidentale !!!!!!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,387FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati