Pakistan, l’allarme dei difensori di Asia Bibi: «I fondamentalisti islamici sono già pronti ad ucciderla»

77 views

Asia Bibi, la cristiana pakistana condannata a morte per blasfemia, rimarrà in carcere in attesa della sentenza della Corte suprema. I giudici, dopo un’udienza durata oltre 3 ore e mezza, hanno accolto oggi il ricorso della difesa contro l’esecuzione della pena capitale ma si sono ritirati per deliberare, senza annunciare una data per la decisione. La donna, arrestata e condannata a morte perché accusata di aver offeso il profeta Maometto durante un diverbio con alcune donne musulmane, è diventata il simbolo della persecuzione dei cristiani nel mondo.

«Assieme agli altri tre difensori di Asia», ha raccontato Saif ul-Malook, uno degli avvocati di Bibi, alla Fondazione “Aiuto alla Chiesa che soffre”, «abbiamo sottolineato come le prove a carico della donna fossero insufficienti. Il caso è montato su una accusa di blasfemia denunciata da un imam locale che non ha assistito al diverbio tra Asia e le sue colleghe musulmane durante il quale la donna cristiana avrebbe commesso blasfemia. Inoltre, abbiamo fatto notare ai giudici come il capo della polizia di Ittanwali, vicino a dove è accaduto il fatto, non ha profuso sufficienti sforzi per verificare le accuse».

La decisione della Corte suprema è molto attesa, soprattutto in Pakistan, dove il partito islamista Tehreek-e-Labbaik (Tlp) ha fatto sapere che «se non sarà fatta giustizia e la condanna di Asia sarà trattata con indulgenza o con leggerezza o cercherà di fuggire in un altro Paese, ci saranno conseguenze pericolose». Il Tlp nasce nel 2016 dopo l’esecuzione di Mumtaz Qadri, l’uomo che nel 2011 uccise l’ex governatore musulmano della provincia del Punjab, Salman Tasir, per aver difeso Bibi. Ad aspettare la sentenza della Corte anche la comunità cristiana, riunita in preghiera. «Molte persone stanno pregando per la sua liberazione in Pakistan e in tutto il mondo», ha riferito all’Agenzia Fides il domenicano James Channan, che a Lahore gestisce il “Peace Center”. «Sono sicuro che il collegio dei giudici della Corte Suprema esaminerà il caso senza pregiudizi e che giustizia sarà fatta, senza farsi influenzare da pressioni esterne. Se Asia sarà rilasciata, questo darà grande sollievo anche a tutti coloro che, nel mondo, si sono sentiti profondamente coinvolti in questo caso, pregando per lei, perché la innocente abbia finalmente giustizia». Oltre al sacrificio di Salman Tasir, padre Channan ha ricordato Shahbaz Bhatti, il ministro federale per gli Affari delle minoranze ucciso nel 2011 da un commando di fondamentalisti islamici.

«C’è un’alta probabilità che la Corte suprema abbia posticipato l’emissione del verdetto perché ha intenzione di prosciogliere Asia», ha detto sempre ad ACS Thair Khalil Sindhu, già ministro per i diritti umani e per gli affari delle minoranze della provincia pachistana del Punjab e membro del collegio difensivo di Asia. «Vogliamo sperare che intendano organizzare il trasferimento della donna dalla prigione di Multan in un luogo sicuro. I fondamentalisti sono già pronti ad ucciderla».

Paolo Quadrozzi
Paolo Quadrozzi
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze politiche con un master di specializzazione in Relazioni Istituzionali e Public Affairs. Si occupa di comunicazione politica e istituzionale.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,838FollowersFollow

Leggi anche

Il lockdown? Ora vuole proporlo la UE…

Secondo un un retroscena pubblicato oggi su La Stampa, c'è un piano di Bruxelles per un lockdown europeo. A quanto pare ci sarebbe stata già una telefonata...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Il lockdown? Ora vuole proporlo la UE…

Secondo un un retroscena pubblicato oggi su La Stampa, c'è un piano di Bruxelles per un lockdown europeo. A quanto pare ci sarebbe stata già una telefonata...

Covid, Meloni e FDI in piazza per i lavoratori abbandonati dal Governo Conte.

Questa mattina Giorgia Meloni ha animato il presidio permanente di Fratelli d'Italia in Piazza Capranica nei pressi del Parlamento. Il leader di FDI è...

Non solo Covid. L’emergenza silenziosa dei malati dimenticati.

La lettera inviata in questi giorni al Premier Conte da Francesco Cognetti, presidente Fondazione Insieme contro il Cancro e direttore Oncologia Medica al Regina...

Proteste Covid. Sinistra e PD vedono fascisti ovunque, ma mentono sapendo di mentire.

C'è Gad Lerner che prende una cantonata colossale. https://twitter.com/gadlernertweet/status/1320970524852445184 In realtà hanno arrestato due egiziani Parla di azione pianificata da ultras ed estrema destra, Lerner, mostrando la...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x