Pakistan, nessuna giustizia per Sana. Intanto un probabile nuovo caso di ragazza marocchina scomparsa

Il tribunale distrettuale di Gujrat, nel -Est del Pakistan, ha assolto tutti gli 11 imputati per l’omicidio di Sana Cheema, la ragazza uccisa prima di rientrare a Brescia, doveva viveva, perche’ voleva sposare il fidanzato italiano. Per il giudice non c’erano prove sufficienti o testimoni dell’omicidio. Lo riferiscono i media pakistani. Tra gli imputati figuravano il padre, la madre e diversi altri familiari.

“Assolti per mancanza di prove padre, zio e fratello di #Sana, 25enne italo-pachistana uccisa perché voleva sposare un italiano. L’ennesima ingiustizia a danno di una ragazza vittima dell’integralismo islamico che aveva come unica colpa quella di amare un occidentale”.  Lo ha dichiarato Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, da sempre in prima linea per tutelare le donne vittime di , soprattutto in casi come quelli delle famiglie musulmante che non sopportano l’integrazione delle figlie nella società occidentale.

Sulla vicenda è intervenuta anche Souad Sbai, Presidente dell’Associazione Donne Marocchine in Italia (ACMID), secondo la quale “purtroppo ancora oggi, ogni anno, milioni di donne nel mondo sono vittime di abusi, discriminazioni o costrette a matrimoni forzati, anche in età minorile. Ed evidentemente ci sono Paesi dove il ‘delitto d’onore’ è ancora tollerato. Questo non può più essere consentito, è ora di dire basta una volta per tutte”.

Nadia Lazraq

Nel giorno di San Valentino, inoltre,  l’Associazione Donne Marocchine in Italia (Acmid) ha deciso di lanciare un appello alle istituzioni italiane e marocchine, affinché venga fatta piena luce su una nuova vicenda, quella di Nadia Lazraq.

Nadia Lazraq è una giovane ragazza marocchina sparita improvvisamente dal suo piccolo paese, Carpaneto Piacentino (Pc). Da tempo ormai non si hanno sue notizie. Il suo compagno è disperato: non riesce a capire cosa sia accaduto alla sua Nadia.

“Vogliamo sapere dove è finita Nadia – ha spiegato Souad Sbai – che fine ha fatto, cosa le è accaduto. Abbiamo già pronta una denuncia da presentare alla Procura della per accertare cosa sia successo. Nadia è una ragazza che ha sempre vissuto in maniera libera, moderna. Non c’è più tempo da perdere: si indaghi su cosa è accaduto e, soprattutto, si trovi Nadia. Facciamo appello al Governo italiano e a quello del Marocco, a Re Mohammed VI, affinché collaborino e si mobilitino per scoprire la e soprattutto trovare la ragazza”.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,228FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x