Paola Egonu è un’atleta fenomenale ma per i “professionisti dell’integrazione” questo non è abbastanza

Lei è Paola Egonu, per chi come me ha giocato a pallavolo o segue questo sport non c’è alcun dubbio: sarebbe un fenomeno anche se avesse la pelle viola, ma per i “professionisti dell’informazione e dell’integrazione” questo non è abbastanza. Non è abbastanza che un’atleta eccezionale sia eccezionale già di suo, soprattutto se è nera soprattutto se è bisessuale bisogna strumentalizzare subito! Quindi Paola Egonu, che non ha assolutamente bisogno di aiuti esterni per dimostrare l’atleta fenomenale che è già, viene photoshoppata un paio di metri più in alto rispetto alla sua elevazione, perché essendo bisessuale e di colore, le si deve conferire un’aura divina, qualcosa che va oltre l’eccellenza, qualcosa di ultraterreno. E così i Lorenzo Tosa’s italiani, mai sazi di sbrodolarsi di cazzate e che sono tanti purtroppo, cominciano a stracciarsi le vesti, cominciano a parlare di integrazione, interrazialità come valore aggiunto, lgbt come miracolo della creazione. Perché quando c’è da fare propaganda non si fanno prigionieri, bisogna dargli una “ spinta in più ”all’eccezionalità dell’integrazione bisogna dargli se serve “una ritoccata”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,497FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati