Paritarie, Rampelli (VCP-FDI): appelli caduti nel vuoto

“Il governo è pienamente consapevole che sulle paritarie sta giocando sporco, il sostegno agli istituti paritari o a quelli privati e agli asili 0-6 anni è irrisorio oppure interamente demandato alle Regioni, senza linee guida unificanti. Come se la pandemia che ha imposto la chiusura delle attività fosse regionalizzata.
Conte esca allo scoperto e non lasci totale autonomia a un ministro pasdaran che evidentemente percepisce le scuole paritarie e quelle private come un fastidio, nonostante siano contemplate dalla Costituzione.
O forse intende ricattarle per assicurarsi lo spostamento politico  in blocco di tutta l’area cattolica che, giustappunto oggi attraverso la Cei, esprime preoccupazione è sdegno denunciando un realistico rischio chiusura per tutto il settore sussidiario della scuola italiana?
Se non si trattasse di ricatto impietoso e vigliacco una domanda s’impone: perché contestualmente il ministro Azzolina e il premier Conte non varano un decreto per assumere nuovi insegnanti, nuovi dirigenti scolastici, nuovo personale Ata, ristrutturare urgentemente le scuole per aumentare la loro capienza – al netto del distanziamento – da settembre, in modo da poter accogliere le centinaia di migliaia di studenti e bambini che vengono seguite da paritarie e private?
Perché l’ordine del giorno proposto e approvato alla Camera non viene trasformato in atti conseguenti dal Governo? Cosa si nasconde dietro questa ostilità, pregiudizio ideologico o vergognoso ricatto?”.
È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati