“Partner negli omicidi”? Il gigante cinese dei droni interrompe le vendite in Russia

L’azienda cinese DJI non vuole più vendere droni a causa della guerra tra Russia e Ucraina per il momento. Il produttore sta attualmente verificando internamente la conformità alle normative in varie giurisdizioni. “In attesa del completamento di questa revisione, DJI sospenderà temporaneamente tutte le attività commerciali in Russia e Ucraina”, si legge nella nota.

Durante la guerra in Ucraina, i droni DJI vengono utilizzati sia dall’esercito russo che da quello ucraino per spiare posizioni nemiche e potenziali obiettivi. DJI produce solo droni civili con telecamere, che vengono venduti in commercio tra poche centinaia e poche migliaia di euro, a seconda del modello.

I droni DJI hanno una portata inferiore a dieci chilometri e sono molto facili da controllare. Al contrario, i droni militari possono facilmente raggiungere un milione di euro e più di costo. In cambio, hanno una portata significativamente maggiore e possono trasportare e sparare con armi.

DJI è stato criticato per aver utilizzato i suoi droni dall’inizio dell’invasione russa. Il vice primo ministro ucraino Mykhailo Fedorov aveva chiesto al fondatore e capo di DJI Frank Wang in una lettera aperta su Twitter di rendere i suoi prodotti inutilizzabili perché l’esercito russo stava usando i prodotti DJI per controllare i suoi missili.


«Sei sicuro di voler essere un partner in questi omicidi?» chiese Fedorov. “Blocca i tuoi prodotti che stanno aiutando i russi a uccidere gli ucraini!” Il vicepremier ha anche chiesto il numero di prodotti DJI distribuiti in Ucraina, il loro numero di identificazione e dove e quando sono stati acquistati e attivati. DJI dovrebbe disabilitare tutti i droni acquistati e attivati ​​in Russia, Siria e Libano.

“Tutti i prodotti DJI sono destinati all’uso civile e non soddisfano le specifiche militari”, ha risposto anche DJI su Twitter. La società non ha potuto fornire i dati richiesti da Fedorov perché non disponeva di queste informazioni. Per fare ciò, gli utenti dovrebbero inviare attivamente questi dati a DJI.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

2 Commenti

  1. Fedorovov è ucraino, e quindi spara le sue palle.
    Sui 14.000 civili russi morti dal 2008 a oggi da parte dei suoi nazisti, non si accenna. Mai.
    L’ articolo parla di droni usati anche dagli ucraini, ma i morti ammazzati dagli ucraini, civili compresi, non esistono.

    • Esatto. Sono formattati ad ipnotizzarci a favore di una parte, per accettare le sanzioni che come un boomerang distruggeranno la nostra economia !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,403FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati