“Per 8 anni abbiamo perseguito una politica sovrana che ha reso la Polonia uno dei Paesi più sicuri dell’UE”. Intervista con Marcin Romanowski

Pubblichiamo l'intervista, tradotta in italiano, a Marcin Romanowski, pubblicata sul The European Conservative realizzata da Álvaro Peñas.

Marcin Romanowski è viceministro della Giustizia della Polonia da giugno 2019 ed è dottore in scienze giuridiche. Si è laureato in giurisprudenza presso la Facoltà di Giurisprudenza e Amministrazione dell'Università Nicolaus Copernicus di Torun e ha completato gli studi post-laurea in giurisprudenza presso l'Università di Regensburg, in Baviera. È inoltre professore associato presso il Dipartimento di Teoria e Filosofia del Diritto della Facoltà di Giurisprudenza e Amministrazione dell'Università Cardinale Stefan Wyszyński di Varsavia.

Marcin Romanowski appartiene a Suwerenna Polska (Polonia sovrana, fino a maggio di quest'anno Solidarna Polska), che dal 2015 governa la Polonia in coalizione con Diritto e Giustizia.
Nell'intervista si parla della controversa decisione della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) di adottare la Convenzione di Istanbul e del nuovo accordo di condivisione dei .

La decisione della Corte di Giustizia dell'UE di far adottare la Convenzione di Istanbul a tutti i Paesi dell'UE non è forse una palese violazione dei trattati? Non si è preoccupati  per lo Stato di diritto?

Il regime generale dei trattati per l'adozione di accordi internazionali, come la Convenzione di Istanbul, da parte dell'UE richiede l'unanimità del Consiglio dei ministri. Questa regola protegge gli interessi degli Stati membri, poiché il sistema di diritto internazionale si fonda sulla volontà sovrana degli Stati e i trattati spesso interferiscono con le competenze fondamentali dei governi nazionali. Da un lato, la Convenzione di Istanbul viene presentata dalle istituzioni europee come un meccanismo volto a combattere la violenza domestica. Dall'altro lato, la realtà mostra che l'intenzione dei suoi autori era quella di promuovere l'ideologia di genere, dipingendo la famiglia naturale come il motivo principale della prevalenza della violenza domestica nelle società. Ciò equivale a una grande interferenza con gli affari familiari in tutti gli Stati membri. Ciononostante, la Corte di Giustizia ha emesso una decisione sorprendente che consente alle procedure di adozione di aggirare il requisito dell'unanimità, rendendo sostanzialmente inascoltata la voce sovrana degli Stati membri più piccoli.

La Polonia ha approvato leggi contro la violenza domestica senza alcun bagaglio ideologico, queste leggi hanno funzionato e c'è davvero bisogno di adottare la Convenzione di Istanbul?

La legge originale contro la violenza domestica da noi proposta è stata adottata da tutti i partiti politici in Polonia. Abbiamo dimostrato che non c'è bisogno di contributi ideologici quando si tratta di iniziative legislative in materie così delicate come la violenza domestica. La legge ha introdotto meccanismi come l'ordine immediato di lasciare la casa da parte dell'autore della violenza – utilizzato già più di 12.000 volte, rendendo visibile la diminuzione delle violenze domestiche. Recentemente, il Parlamento ha approvato una nuova disposizione che estende la protezione a luoghi diversi dalla casa, come le scuole frequentate dai bambini o il luogo di della vittima. A differenza della Convenzione di Istanbul, le nostre proposte contengono strumenti reali, sia giuridici che pratici, che richiedono una costante collaborazione con tutte le autorità coinvolte nel processo, ma senza posizioni ideologiche basate su idee radicali che minacciano la famiglia naturale.

Il vostro ministero ha anche elaborato un progetto di legge per la protezione dei bambini. Di cosa si tratta?

La protezione della famiglia è uno degli obiettivi principali che perseguiamo costantemente nel Ministero della Giustizia e nel partito Polonia Sovrana. In qualità di responsabile degli affari familiari del Ministero della Giustizia, sono orgoglioso di quanto abbiamo già realizzato, sapendo che c'è ancora molto da fare. Oltre alle leggi antiviolenza, abbiamo creato una rete di oltre 300 centri di assistenza gestiti da grazie a un fondo speciale creato dal Ministero della Giustizia. Questi centri forniscono assistenza legale e psicologica gratuita alle vittime di reato, ai loro parenti, ai partner e ai testimoni. Attualmente, dal 2021 lavoriamo con una serie di esperti esterni per sviluppare una strategia a livello nazionale per combattere la violenza sessuale contro i bambini. Il nostro obiettivo è quello di creare una solida rete di livelli: legale, pratico e finanziario, per salvaguardare le famiglie e soprattutto i bambini da qualsiasi forma di abuso sessuale.

Quali misure adotterà la Polonia per far fronte a questa decisione della Corte di Giustizia dell'UE?

La Polonia cerca di opporsi e bloccare la diffusa ideologia della sinistra radicale all'interno di numerose proposte legislative dell'UE. Analizziamo attentamente i processi in corso e vediamo che l'adozione di modelli privi di basi morali non contribuisce a una società sicura e sana. Durante l'intera procedura relativa alla Convenzione di Istanbul, abbiamo presentato una posizione ufficiale in cui si afferma che l'adozione della Convenzione da parte dell'UE non può procedere senza seguire il principio dell'accordo comune. Tuttavia, la posizione della CGUE è rimasta invariata. Di conseguenza, la nostra voce di opposizione, sebbene non isolata, non ha potuto impedire l'adozione del documento con la maggioranza richiesta invece dell'unanimità. Il ricorso legale contro la decisione sembra avere scarse possibilità, considerando l'approccio che la CGUE rappresenta nei confronti dei Trattati e del diritto dell'UE. Fortunatamente, siamo ancora sovrani e il nostro Tribunale Costituzionale ha l'ultima parola in ogni caso che riguardi il sistema giuridico polacco e quanto gli accordi internazionali possano interferire con esso.

Oltre all'Ungheria, né la Repubblica Ceca, né la Slovacchia, né la Lettonia, né la Lituania, né la Bulgaria hanno adottato la Convenzione di Istanbul all'interno del proprio quadro giuridico. Bruxelles inizierà una caccia alle streghe contro tutti questi Paesi?

Il fatto che un gruppo così numeroso di Stati membri, che non hanno adottato questo documento, sia ora costretto a riconoscere i principi della convenzione come diritto comunitario applicabile, solleva serie preoccupazioni sulle intenzioni e sulle dimensioni etiche di questa situazione. Le istituzioni dell'UE si comportano come se la legge fosse solo un materiale facilmente plasmabile per costruire le fondamenta che consentiranno in seguito l'applicazione delle idee estremamente radicali della sinistra europea. L'inclusione della convenzione sul genere nel diritto dell'UE, con il mandato illimitato della Corte di Giustizia per la sua interpretazione e applicazione, rappresenta una situazione pericolosa che potrebbe portare a ulteriori restrizioni finanziarie imposte a Stati come la Polonia e l'Ungheria.

In Polonia si terranno le elezioni politiche nel 2023, pensa che la Commissione europea possa utilizzare questo strumento per sostenere il partito di Bruxelles, Piattaforma Civica di Donald Tusk?

I rappresentanti della Commissione europea hanno ammesso in diverse occasioni che il loro obiettivo è cambiare il governo in Polonia perché, a loro avviso, l'attuale coalizione, pur godendo del mandato di un popolo sovrano, non rispecchia i patti preimposti da funzionari non eletti di Bruxelles. Per 8 anni abbiamo perseguito una sovrana che ha portato a uno dei Paesi più sicuri e in più rapida crescita dell'UE, dove la verità non cede alla correttezza politica. Il ritorno al potere di Piattaforma Civica (parte del PPE) e di Donald Tusk non servirà alla nostra indipendenza e la Polonia non si opporrà più ai tentativi di federalizzazione dell'Unione. Tuttavia, ho una profonda fiducia che non si arriverà a questo punto. I cambiamenti in atto in molti Paesi europei; i recenti risultati elettorali in Italia o i sondaggi prima delle prossime elezioni in Spagna mostrano uno spostamento del sentimento sociale in Europa, che potrebbe aiutare a mantenere il potere in Polonia per le forze politiche conservatrici.

Se gli Stati membri accettano questa decisione della Corte di Giustizia europea, domani si potrebbe parlare di cambiamento climatico o di “diritti LGTBI”. Oltre a essere un'arma contro i governi conservatori, non è forse un ulteriore passo verso un superstato burocratico in cui la sovranità delle nazioni è sempre meno rilevante?

Va notato che la Commissione europea ha già tentato di attuare i principi della Convenzione di Istanbul attraverso una direttiva, che siamo riusciti a bloccare. Per aggirare il risultato, la Corte di Giustizia europea ha cambiato le regole del gioco e ha permesso all'UE di adottare direttamente la Convenzione senza l'unanimità. È evidente che l'obiettivo non è l'interesse comune degli Stati membri, ma piuttosto quello di un piccolo gruppo che mira a cumulare tutti i poteri sotto l'egida federale.

Per quanto riguarda l' clandestina, la Polonia e l'Ungheria hanno rifiutato lo schema di condivisione dei migranti dell'UE, che prevede il pagamento di 20.000 euro per ogni migrante respinto. Orbán lo ha definito un “abuso” e Morawiecki ha affermato che la Polonia non pagherà per gli errori di altri Paesi nella politica di immigrazione. Come giudica questa misura?

La delocalizzazione è un tentativo di spostare la responsabilità delle decisioni prese, ad esempio, a Berlino. La Polonia è aperta all'immigrazione legale, come dimostra la nostra posizione di fronte alla . Abbiamo accolto milioni di persone in fuga dalla madrepatria e non è stato costruito nemmeno un campo paragonabile a quello che si può osservare in molti altri Stati. Ricordiamo bene quando la maggior parte dei rifugiati in fuga dall'aggressione russa ha vissuto per molto tempo accanto alle famiglie polacche nelle loro case. Tuttavia, non intendiamo legittimare decisioni irrazionali e afflussi incontrollati di migranti illegali chiamati “rifugiati”. Anche se quasi ogni anno rilasciamo uno dei più alti permessi di soggiorno a cittadini extracomunitari dell'intera comunità, la Polonia ha uno dei tassi di criminalità più bassi. Tutti si sentono al sicuro, indipendentemente dal luogo e dall'ora in cui si trovano. Questo grazie alla nostra coerenza nel mettere la nostra integrità territoriale al di sopra dell'agenda ideologica promossa a Bruxelles.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x