“Per cambiare il Portogallo ho deciso di entrare nel campo del politicamente scorretto. Non avevo paura di percorrere quella strada”: Intervista con André Ventura

Pubblichiamo l'intervista pubblicata su The European Conservative, tradotta in italiano, a cura di Álvaro Peñas.

André Ventura è il presidente della CHEGA, la terza forza del Portogallo. Nei sondaggi in vista delle prossime elezioni legislative del 10 marzo, la CHEGA sta crescendo in modo esponenziale, aumentando le sue intenzioni di voto al 17-20% – ha ottenuto il 7,8% alle elezioni legislative del 2022 – e diventando la chiave per scalzare il socialismo dal potere.

I sondaggi indicano una crescita crescente del Chega, pensa che i suoi dati corrispondano alla realtà? Qual è la ragione di questo aumento significativo?

Credo che i dati corrispondano alla realtà. Tuttavia, con il 16% ancora indeciso, tutto potrebbe cambiare il giorno delle elezioni. Per quanto riguarda le ragioni della significativa ascesa del Chega, credo che siano dovute al disincanto dei portoghesi per gli scarsi risultati ottenuti dai partiti tradizionali negli ultimi decenni. E dalla totale mancanza di risposte ai problemi attuali, come l' incontrollata, la mancanza di sicurezza e il disastro delle politiche pubbliche come la sanità, la sicurezza sociale e l'.

Qual è l'obiettivo principale della vostra campagna?

L'obiettivo principale della nostra campagna è la riforma del sistema giudiziario nel suo complesso, ma soprattutto la lotta alla corruzione.

La corruzione è un male endemico in Portogallo?

La corruzione è un male endemico ed è radicata in tutte le strutture dello Stato, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri al più piccolo municipio. Combatterla dovrebbe essere un impegno nazionale. Se dovessimo governare, concentreremmo gran parte delle nostre energie nel combatterlo.

Per scacciare il socialismo dal potere, è necessario unire le forze con il centro-destra di AD (Alleanza Democratica – formata da PSD e CDS-PP). Questa coalizione è fattibile?

Una coalizione di questo tipo sarebbe auspicabile e Chega ha sempre mostrato, e continua a mostrare, tutta la sua disponibilità a realizzarla. Tuttavia, il presidente del PSD che guida il Centrodestra, Luis Montenegro, ha ripetuto più volte che non farà una coalizione di questo tipo, contro il parere di gran parte del suo partito. Penso che se tale coalizione si rivelerà essenziale per battere il PS (Partito Socialista), il PSD finirà per farla, con o senza Luis Montenegro.

In Spagna, il Partito Popolare attacca VOX più della sinistra, nonostante governino insieme in diverse regioni e città. La situazione è la stessa in Portogallo?

La situazione in Portogallo è esattamente la stessa. Il PSD sta facendo lo stesso errore che ha fatto il PP, un errore che potrebbe avere le stesse conseguenze che ha avuto in Spagna: consegnare il potere al PS. A cinque anni dall'inizio della nostra attività, Chega aspira a essere una parte fondamentale del governo portoghese ed è indiscutibilmente la terza forza politica.

Siete entrati in Parlamento da soli e ora si parla di un 20% di voti.

Credo che questa crescita esponenziale sia dovuta a una serie di circostanze:

In primo luogo, la decisione che ho preso che le cose in Portogallo non potevano continuare a deteriorarsi per mancanza di coraggio politico nel sottolineare questo degrado e le sue cause. Per cambiare il Portogallo ho deciso di entrare nel campo del politicamente scorretto. Non ho avuto paura di percorrere questa strada. Prima io e poi coloro che mi hanno accompagnato in questa avventura. Sono stato eletto nel 2019 come unico deputato. In Parlamento, visto il lassismo dell'opposizione dell'allora principale partito di opposizione, ho assunto la guida dell'opposizione al Partito socialista. Non è stato facile, ma è stato possibile.

I portoghesi riconobbero l'efficacia di questa opposizione nelle elezioni del 2022 e Chega aveva ora un gruppo parlamentare di 12 deputati, un aumento enorme. A quel punto, dodici di noi, non solo io, continuarono a guidare l'opposizione alla maggioranza assoluta del PS. Non era ancora facile, ma ancora una volta era possibile. Ancora una volta i portoghesi hanno riconosciuto il nostro lavoro, come emergeva chiaramente da ogni sondaggio: eravamo di fronte a una crescita sostenuta. Oggi, secondo questi sondaggi, non solo siamo il terzo partito portoghese ma, se questi sondaggi saranno confermati, abbiamo determinato un cambiamento strutturale nel panorama politico portoghese, da bipartitico a tripartitico, rendendoci parte indispensabile di qualsiasi accordo politico.

I portoghesi insoddisfatti del sistema politico in vigore da cinquant'anni hanno visto in noi la possibilità di un cambiamento radicale del paradigma esistente e ci stanno sostenendo in questa battaglia. Siamo venuti a dare voce alla maggioranza silenziosa, a coloro che, non volendo ciò che era in vigore, fino al nostro arrivo non vedevano alcuna possibilità di lottare contro ciò che era in vigore.

In breve, il coraggio politico di Chega e l'attenzione che abbiamo posto nel non permettere alla sinistra di distruggere il Portogallo, di fronte alla passività vigliacca e collaborazionista del centro-destra, hanno incontrato la stanchezza di molti portoghesi che hanno visto in noi la strada per un vero cambiamento. Se il 10 marzo rappresenti un altro passo, e decisivo, nel nostro cammino a favore del Portogallo e dei portoghesi, non lo sappiamo. Lo speriamo. I nostri nemici stanno facendo di tutto perché non sia così. Fino al 9 è nelle nostre mani. Il 10 è nelle mani di Dio.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Discussioni

13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x