“Per gli ucraini la questione è se continueremo a esistere e a sopravvivere o se semplicemente scompariremo”: Intervista con Stanislav Aseyev

Riportiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicata su The European Conservative

“I compiti principali qui sono sopravvivere, dopo che il desiderio di vivere ti ha abbandonato e nulla al mondo dipende più da te, preservare la tua sanità mentale, mentre traballi sull'orlo della follia, e rimanere un essere umano in condizioni così disumane che la fede, il perdono, l'odio e persino un torturatore che chiude gli occhi con la sua vittima si caricano di molteplici significati”.

-Il campo di tortura di via Paradiso

Stanislav Aseyev è uno scrittore e giornalista ucraino, laureato in filosofia e con un master in studi religiosi presso l'Università di Donetsk. Autore di una raccolta di racconti e del romanzo “Elephant Melchior”, ha iniziato a raccontare quanto stava accadendo a Donetsk tra il 2015 e il 2017 (con lo pseudonimo di Stanislav Vasin) per il giornale Mirror Weekly e altri media ucraini, per i quali è stato arrestato e tenuto in una prigione segreta per più di due anni. Aseyev è stato rilasciato in uno scambio nel dicembre 2019. I suoi dispacci dalla Repubblica Popolare di Donetsk sono stati raccolti e pubblicati con il titolo “In Isolation- Dispatches from Occupied Donbas” e successivamente ha pubblicato un libro che racconta le sue esperienze nel campo di tortura di Izolyatsia, “The Torture Camp on Paradise Street”.

Da quando è stato rilasciato, Aseyev è stato attivo nella lotta per i diritti dei prigionieri detenuti nelle carceri illegali in Russia e nei territori occupati, intervenendo in vari forum come il Consiglio d'Europa e la Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Ha anche fondato il Justice Initiative Fund, per rintracciare coloro che hanno gestito Izolyatsia e siti simili e altri criminali di guerra. Nel 2023, Aseyev si è arruolato nelle Forze di difesa territoriale dell'Ucraina come soldato di fanteria. Alla fine di aprile, mentre prestava servizio presso la 109ª Brigata separata di difesa territoriale, Aseyev ha ricevuto una commozione cerebrale durante i combattimenti nel Donbas ed è stato inviato nelle retrovie per riprendersi. È in questo periodo, prima del suo ritorno al fronte, che abbiamo realizzato questa intervista.

Nel 2014 la sua città viene occupata dai miliziani filorussi, ma lei decide di restare. Perché?

Nel 2014 sono rimasto in Donbas soprattutto per motivi familiari. Ero l'unico uomo della famiglia ed ero responsabile di mia madre e delle mie due nonne. Se fossi partito, sarebbero rimaste sole in guerra, quindi non potevo permettermelo.

Nel giugno 2017 lei è stato arrestato perché ha inviato dei dispacci sotto pseudonimo su quanto stava accadendo nella “Repubblica popolare di Donetsk”. Come descriverebbe ciò che stava accadendo in quel periodo? L'influenza della propaganda russa sulla popolazione è stata decisiva?

Per quanto riguarda ciò che è accaduto tra il 2014 e il 2017, è stato come un ritorno all'Unione Sovietica con elementi di ciò che Orwell scrisse in “1984”, cioè un massiccio bombardamento di propaganda russa per plasmare la popolazione a immagine dell'“homo sovieticus”, presentando un'immagine epica del passato sovietico come modello a cui aspirare e insegnando sistematicamente alla popolazione a odiare coloro che si trovano dall'altra parte delle barricate. La propaganda era presente in ogni passo che facevate, a partire dai grandi cartelloni pubblicitari e dal loro particolare stile decorativo, fino ai piccoli media locali.

Siete accusati di “espionaje” e “estremismo” e inviati in un campo di detenzione segreto in Paradise Street, che è certamente orwelliano. Lei lo descrive come un campo di tortura.

Il campo di detenzione in cui sono stato si chiama Izolyatsia (Isolamento), ed è ancora in funzione.  Perché si chiama “Isolamento”? Perché durante l'Unione Sovietica era un'ex fabbrica di materiali isolanti. La fabbrica ha cessato l'attività nel 1990 e dal 2010 ospita una piattaforma per iniziative culturali, una fondazione artistica chiamata anch'essa “Isolation”. Nel 2014, dopo l'occupazione delle strutture da parte dei militanti filorussi, la fondazione si è trasferita a Kiev e Isolation è diventato una sorta di campo di concentramento. I filorussi hanno trasformato le cantine e gli uffici in celle e stanze di tortura, dove la tortura veniva solitamente eseguita con la corrente elettrica.

Com'era la vita nel campo? Chi lo gestiva?

In “Isolamento” ho visto quasi tutti i tipi di crimini di guerra: torture, umiliazioni della dignità umana, ma anche uccisioni di prigionieri, violenze sessuali, forzato….

Era un regime molto duro, istituito dall'amministrazione locale della RPD. Il direttore era Denis Kulykovsky, soprannominato Palych*, e i suoi subordinati nell'amministrazione di “Isolamento” erano per lo più locali, la maggior parte dei quali apparteneva alle agenzie criminali/poliziesche ucraine, ma c'erano anche civili. Tuttavia, il controllo del campo era nelle mani del Quinto Dipartimento dell'FSB, che già oggi opera “ufficialmente” su quel territorio, poiché la Russia lo considera suo.

Come si fa a sopportare la tortura per tre anni? È possibile mantenere la speranza in un posto del genere?

Ciò che mi ha aiutato a resistere è stato il sostegno dei miei cari, perché sapevo che, anche se non avevo quasi nessun contatto con loro, mia madre e la mia ragazza mi stavano aspettando. Anche l'odio dell'amministrazione del campo, perché volevo vendicarmi e infine sopravvivere, uscire da lì e almeno raccontare quello che era successo in quel luogo. Alla fine, ci sono riuscito e ho potuto scrivere un libro.

Mi parli della sua liberazione e del suo ritorno in Ucraina.

Ho trascorso 28 mesi in “isolamento”, dopodiché sono stato trasferito in una prigione ufficiale, una struttura a Donetsk che faceva parte del sistema penitenziario ucraino. Vi ho trascorso 18 giorni, dopodiché sono stato mandato in un campo per criminali, dove c'era anche una caserma separata per i prigionieri di guerra e gli ostaggi civili. Il campo si trovava nella città di Makiivka. Lì ho trascorso mezzo mese prima dello scambio alla fine di dicembre 2019. E per quanto riguarda il modo in cui è avvenuto. Non ci è stato detto nulla dello scambio fino all'ultimo momento, cioè l'abbiamo saputo solo la mattina stessa dello scambio, ma c'erano segni che si stava preparando qualcosa; per esempio, il giorno prima ci sono stati dati vestiti della Croce Rossa, ed era chiaro che le persone che li avevano ricevuti sarebbero state presto scambiate. Siamo stati semplicemente trasportati in autobus ai posti di blocco dove lo scambio ha avuto effettivamente luogo. La parte ucraina consegnò ai russi i prigionieri che erano stati detenuti in base agli articoli di terrorismo o collaborazionismo e, da parte russa, i prigionieri di guerra ucraini e gli ostaggi civili come me furono restituiti al territorio controllato dagli ucraini.

Quanti ucraini hanno trovato una destinazione simile dopo l'invasione russa?

Se parliamo specificamente dell' “Isolamento”, dal 2014 sono passate di lì diverse migliaia di persone, forse due o duemila e mezzo; non ci sono dati precisi, perché solo nel 2017 sono avvenuti grandi scambi. E ci sono anche persone che sono partite da lì privatamente, individualmente.

Se parliamo di prigionieri di guerra, solo da Azovstal si parla di diverse migliaia di prigionieri, soprattutto del movimento di Azov. E per quanto riguarda i civili, è molto difficile dire un numero. È possibile che le nostre autorità dispongano di alcune statistiche, anche se molto probabilmente si tratta di informazioni riservate e nessuno dice con certezza i numeri.

Dopo tutto quello che avete passato, vi siete arruolati nell'esercito e state combattendo l'invasore russo al fronte. Altri che hanno vissuto esperienze simili hanno fatto lo stesso, dove trovate la forza per continuare?

Per gli ucraini e per lo Stato ucraino in generale, la questione è se continueremo a esistere e a sopravvivere o se semplicemente scompariremo dalla mappa del mondo; pertanto, la domanda su dove attingere forza non si pone in quanto tale. Se non combattiamo, il nostro Stato semplicemente cesserà di esistere e al suo posto ci saranno luoghi come “Isolamento”, o come altri centri di tortura che abbiamo visto nel territorio liberato dall'occupazione, nella regione di Kiev, nella regione di Kharkiv, nella regione di Kherson…. Ovunque i russi siano stati, sono stati torturati e capiamo che, anche se ci arrendiamo ora e diciamo che finiamo la guerra e ci prendono i territori che vogliono, ci uccideranno semplicemente tutti o ci metteranno nei campi russi come “Isolamento”. Ecco perché la lotta contro la Russia è per noi una questione esistenziale, perché, come ha detto Vladimir Putin, il territorio dell'ex Unione Sovietica è la Russia storica (per loro).

Questa è la risposta a ciò che sta accadendo. Non gli serve la regione di Donetsk, non gli serve Luhansk o la regione di Kherson.Ha bisogno di riunire l'Unione Sovietica e l'Ucraina è la prima cosa che gli impedisce di percorrere questa strada, almeno quella che pone una seria resistenza.Penso che in Occidente non lo capiscano; non sentono queste parole di Putin e pensano ancora che abbia bisogno di alcune regioni dell'Ucraina. No, ha bisogno dei territori dell'ex Unione Sovietica. E se l'Ucraina cade, la Moldova o gli Stati baltici la seguiranno.

*Palych, che si dilettava a torturare e aggredire casualmente i detenuti, è stato arrestato nella capitale ucraina il 9 novembre 2021 dai servizi di sicurezza ucraini, SBU, con l'aiuto di Aseyev e del giornalista Christo Grozev. Palych è stato condannato a 15 anni di carcere per aver supervisionato e partecipato a detenzioni illegali e torture descritte in tribunale da più di 20 vittime, tra cui lo stesso Aseyev.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x