Piano Mattei al centro della conferenza Italia-Africa lunedì in Senato

Il 28 e il 29 gennaio sarà tenuta al una conferenza internazionale dal titolo “Italia-Africa. Un ponte per una crescita comune”. Sarà questa l'occasione per ospitare i leader di vari Paesi del continente africano, oltreché i vertici delle europee: circa 60 i partecipanti attesi, di cui 13 capi di Stato 8 capi di governo africani. Tra questi, anche alcune figure che già hanno interagito in questi anni col governo italiano, come il leader tunisino Kais Saied e il premier keniota Abiy Ahmed. Attesi inoltre esponenti di istituzioni internazionali, come il presidente della Commissione dell'Unione africana Moussa Faki. Tra i leader europei attesi, i presidenti di Commissione e Parlamento Ursula von der Leyen e Roberta Metsola. A fare da padrone di casa, il presidente del Consiglio italiano Giorgia .

Sarà dunque un importante passo in avanti in vista della cooperazione tra Italia, Europa e Africa, specialmente in un'ottica di attuazione del noto Piano Mattei: l'obiettivo principale del summit è dunque quello di accelerare il passo sulla strategia voluta dal premier italiano per investire nuove risorse nel continente africano. Il Piano, in particolare, prevede importanti finanziamenti per dare impulso a uno sviluppo economico, sociale, tecnologico e infrastrutturale che milioni di persone necessitano: investimenti in , scuola, commercio, alfabetizzazione, energie rinnovabili, strade, acqua, permetteranno ai vari Paesi africani coinvolti nel Piano Mattei di ottimizzare le condizioni di vita dei propri cittadini, al fine di garantire crescita e sviluppo alle proprie comunità. Il fine ultimo è quello di creare un dialogo costante con i Paesi d'origine dei flussi migratori, così da difendere, prima ancora del diritto a emigrare, il diritto a non emigrare e a restare nelle propria terra natale. La cooperazione tra i continenti, tramite la spinta del , permetterà la riduzione dei flussi migratoria e consentirà ai di non lasciare la propria Patria e di non alimentare il traffico di essere umani su cui scafisti e contrabbandieri lucrano.
A segnare i rapporti tra le varie Istituzioni sarà la via del dialogo e dell'ascolto, in contrasto con le azioni predatorie che hanno caratterizzato i decenni scorsi e hanno alimentato un comprensibile scetticismo africano nei confronti dei governi europei. La prossima conferenza, dunque, sarà la prima vera occasione giusta per presentare al mondo il Piano Mattei del Governo Meloni.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x