Poema di Fiume, l’inedito di Marinetti è in libreria

In questo poema, rimasto fino ad oggi inedito, Filippo Tommaso Marinetti dedica all’impresa fiumana una composizione che incrocia prosa e poesia nel perfetto stile marinettiano e futurista, tutto d’un fiato, senza punteggiatura, senza particolari se non l’ da sprigionare, con le ripetizioni enfatiche e le autocelebrazioni. La marcia di Ronchi, la ‘Santa Entrata’ a Fiume, i Granatieri, il viaggio rocambolesco per la ‘Città di vita’, il Natale di e soprattutto l’“l’unica donna da perennemente amare”. Un’opera di un valore inestimabile non solo perché inedita, non solo perché contiene dei passaggi eccezionali ma anche, e forse soprattutto, perché descrive l’incontro di due dei più grandi italiani, D’Annunzio e Marinetti, su quel palcoscenico incredibile che è stata la Fiume dell’Impresa. Un’impresa che a cento anni esatti, rimane ancora uno dei momenti più incredibili, poetici e alti della d’.

Dall’introduzione:

L’orbo veggente.

“Lui è un uomo non più giovane eppure divora la strada come se avesse ancora tanto tempo davanti a sé. Cammina come se l’arrivo sia solo un’altra tappa di un percorso ancora lungo.

Cammina e tutti quelli che incontra si fermano a guardarlo, lo abbracciano, l’applaudono e l’invocano. 

Nessuna foto può descrivere quello che il suo sguardo trasmette. 

Non è solo la febbre altissima che rende l’unico occhio più profondo ma quello che sconvolge è la vita che ne esce. Quella vita che tutto brucia, tutto divora, tutto rielabora perché solo nella passione, nell’esigenza dell’essere, nella forza creativa è in grado di dare vita al futuro.

Quest’uomo forse non ha davvero tanto tempo davanti a sé ma sente di dover fare ancora molto. E per lui “molto” vuol dire riempire i libri di . Quel “molto” riempirà la vita di commentatori, critici e biografi. Quel “molto”, che è solo una piccola parte del suo “tutto”, che mille uomini comuni non riusciranno mai a fare. E nemmeno a immaginare. 

È il 12 settembre del 1919. Cento anni fa. 

E quello che vedremmo, se questa prefazione non fosse un testo ma un viaggio nel tempo, è la Santa  Entrata.

L’epifania di Gabriele D’Annunzio a Fiume.”

E là accorsero tutti: artisti, soldati, sindacalisti, sognatori, pazzi, italiani.

E fra loro l’uomo che aveva cambiato l’ mondiale con il del Futurismo: Filippo Tommaso Marinetti.

Oltre al testo originale del Poema, il libro, edito da Eclettica, ha due contributi inediti a cura del sociologo Guerino Nuccio Bovalino, “Fiume: immaginario e avanguardia”, e del divulgatore storico Emanuele Merlino, “La coerenza della poesia”.

Per ulteriori informazioni: http://www.ecletticaedizioni.com/

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,611FansLike
5,682FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x