Polonia e Grecia, alleati contro gli “attacchi ibridi” di Bielorussia e Turchia sull’immigrazione

A migliaia di chilometri di distanza dall’attuale epicentro migratorio dell’UE, il confine della Bielorussia con l’UE, il governo greco ha dato il suo sostegno alla Polonia, dopo aver denunciato per anni gli “attacchi ibridi” della Turchia: “La Grecia sostiene la Polonia, suo partner UE e alleato NATO, e condanna tutti i tentativi di strumentalizzare la migrazione”, ha twittato la settimana scorsa l’account ufficiale del ministero degli esteri greco. I paralleli sono stati tracciati non solo da Atene, ma anche dal ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, accennando che un accordo economico come quello tra Turchia e UE per contenere i flussi migratori potrebbe essere la “soluzione” al caso bielorusso.

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, parlando a Good Morning Britain, ha accusato il governo bielorusso di orchestrare una catastrofe per un guadagno politico. Mitsotakis ha anche parlato delle costanti minacce della Turchia di aprire i cancelli dell’ per permettere ai di entrare nella zona Schengen, mentre l’esercito greco è in massima allerta.
Il 9 novembre, la guardia costiera greca ha diffuso un video di un minuto di due motovedette turche che sembrano scortare un gommone con una dozzina di migranti. Le barche e il gommone sono poi visti girare e, secondo la guardia costiera greca, navigare verso la costa turca.

Lo stesso giorno, in uno scambio meno amichevole di quello che ha avuto nel programma di ITV, Mitsotakis ha difeso con rabbia la politica migratoria del suo governo in un acceso scambio con la giornalista olandese Ingeborg Beugel: “Primo ministro Mitsotakis, quando smetterà di mentire, di mentire sui ritorni a caldo, di mentire su quello che sta succedendo con i rifugiati in Grecia”, gli ha chiesto la giornalista.

Con un gesto serio, e in un inglese fluente, il primo ministro greco ha risposto: “Capisco che nei Paesi Bassi c’è una cultura di fare domande dirette ai politici, che io rispetto molto. Quello che non accetto è che insultiate me o il popolo greco con accuse che non sono supportate dai fatti”. Mitsotakis ha detto che le autorità stavano “intercettando le barche in mare in conformità con i regolamenti dell’UE e avevano concesso asilo a 50.000 persone, tra cui “decine di migliaia di afgani”. La popolare giornalista, che vive in Grecia, è stato arrestato sulla piccola isola greca di Hydra all’inizio di giugno per aver ospitato un giovane afgano. Se condannata, potrebbe essere condannata a un anno di prigione.

La crisi tra Polonia e Bielorussia sta mettendo in ombra il conflitto ad alta tensione tra le ONG e il governo greco su una strategia di dissuasione dei sotto l’accusa di detenzione amministrativa sistematica e di criminalizzazione degli operatori umanitari. Con le nuove leggi sull’asilo, Atene cerca di accelerare il trattamento dell’asilo e i ritorni nei paesi d’origine. Lo scorso giugno, il governo ha riconosciuto la Turchia come “paese sicuro” per i richiedenti asilo provenienti da Siria, Afghanistan, Pakistan, Bangladesh e Somalia.

Martedì, Oxfam e il Consiglio greco per i rifugiati (GRC) hanno pubblicato un rapporto su come la Grecia, con il sostegno dell’Europa, ricorra sempre più alla pratica della detenzione amministrativa dei migranti in Grecia.

Entrambe le organizzazioni criticano l’uso eccessivo della detenzione amministrativa da parte delle autorità greche con il sostegno dell’UE, con fino a 3.000 migranti detenuti a partire da giugno 2021. Oxfam e CGR stimano che 7 su 10 migranti irregolari sono posti in detenzione amministrativa e la maggior parte rimane in detenzione quando fanno domanda di asilo. Nonostante il calo significativo degli arrivi sotto l’attuale governo, che gli autori del rapporto collegano alla pandemia (fino al 60% quest’anno), per Oxfam, i tentativi della Grecia di fare dell’eccezione la regola (la legge europea prevede tali azioni solo come ultima risorsa) “sono in chiara violazione della legge europea e greca”.

Nel 2016, il numero totale di persone detenute è stato di 14.864, di cui 4.072 erano richiedenti asilo, secondo i dati gestiti da Oxfam e CGR. Tre anni dopo, questo numero era raddoppiato a 30.007, di cui 23.348 erano richiedenti asilo. Queste cifre sono diminuite nel 2020 (14.993 persone, di cui 10.130 richiedenti asilo).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,396FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati