Ponte Morandi, Malan (FdI): governo non premi responsabili disastro

“A più di tre anni dal disastro in cui morirono 43 persone parte – con un rinvio – il processo per il crollo del Ponte Morandi. Fa bene il Governo a costituirsi parte civile, probabilmente un atto dovuto. Ma in contemporanea va avanti il piano di acquisizione delle quote di ASPI oggi in mano a Atlantia/Benetton, da parte della cordata guidata da CDP, che costerebbe agli utenti, diretti e indiretti, dell’autostrada circa 21,9 miliardi, mentre avvalendosi del diritto di recesso, previsto nella convenzione del 2007 alla base della concessione, il costo sarebbe soltanto di 13 miliardi. La differenza di 8-9 miliardi andrebbe ai responsabili del crollo, mentre il Governo continua a non rispondere alle diverse interrogazioni in merito. Proprio oggi si apprende che 3,4 miliardi di danni da pagare per il disastro finirebbero a carico della nuova gestione, in base a un accordo firmato ieri dal MIMS. Ha ben ragione Egle Possetti, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime, nel dire che la costituzione di parte civile dovrebbe portare a una riflessione sulla questione della concessione.”

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Lucio Malan.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,373FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati