Primo Maggio: Il concerto per il lavoro non tutelato alla Conferenza Programmatica FdI

Le testimonianze sul palco di Milano. Il direttore d'orchestra Venezi: "Sogno un paese che valorizzi la cultura"

Beatrice Venezi ha diretto l’orchestra dei “Virtuosi Italiani” nel concerto del Primo maggio di Fratelli d’Italia per il non tutelato. ha portato sul palco della Conferenza programmatica, che chiude i battenti oggi a Milano, l’Inno di Mameli, Ennio Morricone, Vivaldi e Puccini, simbolo della cultura italiana nel mondo. “La classe politica non ci vuole frequentatori di bellezza e cultura, – ha detto Venezi in apertura del concerto ringraziando per l’invito – una classe politica che invece di riconoscerci il valore del ci considera accessori e troppo spesso fa discriminazioni di genere. E’ la prima volta che la cultura entra in una convention politica e oggi, Primo maggio, non posso che parlare del mio lavoro, la musica come cultura e bellezza che esalta le caratteristiche di un Paese straordinario come l’Italia. Mi sento una cittadina non rappresentata da uno Stato in cui l’artista non può esprimere opinioni per paura di ritorsioni, ma sogno una Italia che sulla valorizzazione della cultura abbia il coraggio di cambiare”.

 

Sul palco della Conferenza programmatica ha dato voce ai cosiddetti “lavoratori non tutelati”: Rudy Milani, imprenditore agricolo; Armando Zambrano, Presidente Consiglio nazionale ingegneri e reti professioni tecniche; Costanza Bianchini in rappresentanza dei balneari; Gianluca Ugliola, operaio Embraco; Lino Ricchiuti in rappresentanza delle partite iva; Pasquale Dioguardi presidente Movimento Impresa e imprenditore settore discoteche e sale da ballo; Alessandro Circiello, in rappresentanza del settore ristorazione e delle attività chiuse e penalizzate in pandemia; Francesco Perchinunno, Presidente nazionale Aiga in rappresentanza dei giovani che aprono una partita iva.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

3 Commenti

  1. IL GRAVE PROLEMA DEGLI UCRAINI è UNA DISGRAZIA CHE COGLIE TUTTI IMPREPARATI E NESSUNO MAI SI SAREBBE ASPETTATO UN CRIMINE DI QUESTO TIPO. PURTROPPO DOBBIAMO ANCHE DIRE CHE TUTTO QUESTO SI DEVE ANCHE AL COMPIACENTE SILENZIO EUROPEO/AMERICANO DOVE HANNO SEMPRE FATTO FINTA DI NULLA.
    NON SOLO MA INVECE DI CERCARE LA PACE OGNI GIORNO CHE PASSA IN PARTICOLARE REGNO UNITO E AMERICA DI “BIDEN”NON VEDONO L’ORA DI GETTARE BENZINZA SULLA GUERRA QUESTI SONO I FATTI DI OGGI.
    MA: ANCHE IL POPOLO ITALIANO è SUCCUBE DI QUESTA SPORCA GUERRA DOVE NON PASSA GIORNO CHE AZIENDE CREPANO DI SANA PIANTA PER IL MOTIVO CHE L’ATTUALE GOVERNO DI MARIO DRAGHI CONCEDE LORO SOLO PACCHE SULLA SPALLA. IL FATTO CHE L’ITALIA SI SIA PRENOTATA PER LA RICOTRUZIONE DEL TEATRO BOMBARDATO DAI RUSSI SICURAMENTE è UN ATTO BUONO PERO’ RICORDO SEMPRE AL GOVERNO CHE CI SONO ITALIANI CHE NON HANNO UN EURO IN TASCA E QUINDI IL TEATRO POTREBBE PASSARE IN SECONDA LINEA.
    P.S.
    GIA CHE SIAMO IN TEMA DI GIUSTIZIA IERI SU RETE 4 DI MARIO GIORDANO(GRANDE MARIO)ABBIAMO SAPUTO CHE CI SONO PERSONAGGI OSCURI CHE AMMINSTRANO/GESTISCONO L’ASSIATENZA AGLI UCRAINI PUR ESSENDO STATI PROCESSATI E ACCUSATI PER VARI CRIMINI ALLORA MI DOMANDO POSSIBILE CHE NESSUNO DEL GOVERNO FACCIA IN MODO CHE QUESTI EX TEPPISTI NON SI POSSANO PIU’ RICICLARE CON LE COPERATIVE è? 05/05/2022

  2. CHE DIFFERENZA ABISSALE TRA QUESTA ORCHESTRA E L’ELEGANTE E BELLA DIRETTRICE ED IL TATUATO CELEBRATO KOMPAGNOSKO (?!) FEDEZ !!!!!!!!!!

  3. Sign.Bruno D’Arpino.COncordo.Aggiungo una mia “visione personale”.La NATO,gli USA,i governanti che oggi sono al potere in UE sono tutti legati insieme a doppio filo con interessi finanziari,economici,politici,etici globalizzati.In Ucraina da anni gli USA (i Biden padre e figlio in testa) stanno lucrando a man bassa su una miriade di cose:materie prime ed altro.Da sempre l’espansionismo,lo spirito colonialista Statunitense,in tutto il mondo va dove c’è da arraffare ,”mollando disinvoltamente quando non ha più interessi su cui lucrare.L’Afghanistan è l’ultimo in ordine di tempo e non è escluso che il trasferimento in Ucraina sia stato all’origine di quell’abbandono ormai “improduttivo”…….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,396FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati