Pro-aborto. Vandalizzate statue di Papa Giovanni Paolo II e Reagan in Polonia.

Giovedì scorso, su istanza di un gruppo di deputati conservatori, il Tribunale costituzionale polacco ha vietato gli aborti per malformazioni congenite irreversibili del feto, un motivo per il quale venivano effettuate la maggior parte delle interruzioni di gravidanza in Polonia, dove le leggi sono molto restrittive. Rimane possibile abortire solo nei casi di rischio per la vita o la salute della madre e per le gravidanze frutto di stupro o di incesto. La sentenza ha portato ad un'ondata di proteste in tutto il paese, dirette contro il governo conservatore.

Le statue dell’ex presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan e di Papa Giovanni Paolo II sono state vandalizzate in Polonia nei giorni scorsi, con attacchi in entrambi i casi collegati dai media polacchi alle proteste a favore dell’aborto che attanagliano il Paese.

Una statua del Pontefice è stata imbrattata di vernice rossa mentre la statua del presidente Reagan, che si trova di fronte all’ambasciata americana a Varsavia, è stata deturpata con vernice verde e il messaggio “pro abo”. Entrambi gli uomini sono stati figure cardine nell’emergere della Polonia dal comunismo per diventare una nazione libera e democratica e sono generalmente ben considerati nel paese.

Gli atti di vandalismo arrivano sullo sfondo delle proteste in Polonia contro la sentenza della scorsa settimana della loro corte suprema sull’aborto. Le interruzioni di gravidanza sono ora possibili solo quando il bambino è stato concepito attraverso stupro o incesto, o dove la vita della madre sarebbe messa a rischio continuando la gravidanza.

Gli attivisti di sinistra lo hanno definito un attacco alle donne e hanno lanciato proteste che sono ora al loro settimo giorno. Il governo polacco, da parte sua, ha accusato i manifestanti di aver attaccato la stessa Polonia, di assecondare una minoranza politica e di mettere a rischio vite umane protestando in gran numero durante la pandemia di coronavirus.

Al di là delle marce e di uno “sciopero delle donne” – dove le donne si rifiutano di lavorare, andare a scuola o fare i lavori domestici – c’è stata anche un’azione più diretta, con attivisti che accusano la Chiesa cattolica di aver influenzato il Governo. I servizi della chiesa sono stati interrotti domenica in Polonia e si sono verificati alcuni atti di vandalismo, che hanno portato alla creazione di un gruppo di volontari della “Guardia Nazionale” che afferma che proteggerà le chiese da ulteriori attacchi.

È stato scoperto che la statua di Ronald Reagan a Varsavia è stata vandalizzata sabato, poche ore dopo che nelle vicinanze si era svolta una protesta contro la sentenza sull’aborto, osserva PolSatNews, sebbene il rapporto chiarisca che gli autori sono ancora sconosciuti e se la vicinanza della statua al la protesta è solo una coincidenza. Anche un pannello informativo accanto alla statua, che mostrava una fotografia del presidente Reagan seduto con Papa Giovanni Paolo II, è stato deturpato.

Più tardi, sabato, una statua di Giovanni Paolo II è stata vandalizzata in un sobborgo di Varsavia, questa volta le sue mani sono state dipinte di rosso. Questo atto aveva una certa somiglianza – almeno superficialmente – con un’altra protesta pro-aborto avvenuta giorni prima, quando un gruppo di donne mostrava le mani mentre giaceva in una pozza d’acqua rossa ai piedi di un’altra statua di Giovanni Paolo II.

Mercoledì, è stato riferito che l’attivista pro-vita Kaja Godek aveva ufficialmente richiesto la protezione della polizia dopo che gli attivisti pro-aborto avevano pubblicato il suo indirizzo e i suoi dettagli online, provocando chiamate fastidiose e bussate alla sua porta, nonché atti vandalici mirati intorno alla sua casa.

L’iconoclastia – il vandalismo e la distruzione delle statue – ha goduto di una massiccia rinascita nel mondo occidentale negli ultimi anni. A partire dagli Stati Uniti con movimenti per rimuovere le statue dell’era della Confederazione e in generale storiche che si diffondono all’estero, come quelle viste di recente nel Regno Unito con un’ondata di vandalismo contro personaggi storici.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,969FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x