Protegge le “spose bambine”, ma finisce in carcere l’ex ministro danese Inger Støjberg

Ha sussultato quando il verdetto è stato letto.

Inger Støjberg è colpevole di violazione intenzionale della legge sulla responsabilità ministeriale ed è condannata a 60 giorni di reclusione incondizionata.

Questa è la valutazione della Corte Suprema sul caso contro Inger Støjberg, pronunciata di recente dal Presidente della Corte Suprema, Thomas Rørdam.

L’ex ministro per l’ e l’Integrazione, che ha ricoperto il ruolo dal 2015 al 2019, è stato giudicato colpevole di aver violato la legge sulla responsabilità ministeriale lunedì per la sua politica di separazione delle coppie – prevalentemente uomini con mogli minorenni – durante il culmine crisi dei in Europa.

Nel 2016, ha deciso che nessun minore (15-17 anni) può essere ospitato con il coniuge o un convivente nei centri di asilo danesi e ha mantenuto il programma durante il suo mandato.

Le separazioni, tuttavia, violavano l’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU), che afferma che “ognuno ha diritto al rispetto della propria vita familiare” e violavano i principi generali del diritto amministrativo.

Støjberg ha reagito al verdetto dicendo: “Sono molto, molto sorpresa, devo dirlo”.

“Sono i valori danesi che hanno perso oggi”, ha detto.

“C’è qualcosa di molto sbagliato quando non puoi proteggere le ragazze dal disgustoso fenomeno delle spose bambine”, ha continuato, aggiungendo: “Prenderò la mia punizione, e lo faccio senza vergogna”.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,630FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati