“Rendiamo l’Europa di nuovo grande”: l’intervista a Robert Roos contro il “comunismo climatico”

Robert Roos è un politico olandese, membro del Juiste Antwoord 2021 (JA21) e vicepresidente del gruppo dell'ECR – il partito dei Conservatori e Riformisti Europei – al Parlamento europeo.

I Paesi Bassi hanno un nuovo governo?

Quasi. Hanno raggiunto un accordo. Ci sono quattro partiti politici che hanno concordato un nuovo governo. Non è ancora formale, ma credo che sia solo una questione di un paio di settimane. Sarà un approccio completamente diverso, perché abbiamo avuto un governo woke, negli ultimi cinque anni. Ora abbiamo una più realistica.

Cosa c'è in gioco nelle prossime elezioni europee di giugno?

Le elezioni sono molto importanti, perché dobbiamo riparare ciò che è stato distrutto negli ultimi cinque anni con il Green Deal, con tutte queste politiche di sinistra. C'è molto da fare. Il Parlamento Europeo è, ovviamente, importante, ma abbiamo anche bisogno di più primi ministri nel Consiglio Europeo per cambiare il modo in cui si fa politica in Europa. Deve servire le persone e non solo il pianeta.

Lei, come ingegnere con una lunga esperienza nelle aziende petrolifere e del gas, parla di “comunismo climatico”. Perché?

Il Green Deal, così come anche gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e i governi ambientali e sociali, lo chiamo “comunismo climatico” perché non è logico quello che stiamo facendo. Nel 2010, il continente europeo era esportatore di energia e ora dipendiamo da ogni tipo di stato “eco” per la nostra energia e, inoltre, vogliono essere indipendenti energeticamente con le rinnovabili, ma ciò non è possibile. Fisicamente e matematicamente non è possibile. Quindi, se pensi a tutto quello che stanno facendo, stanno distruggendo il nostro sistema energetico. Stanno distruggendo il nostro sistema alimentare. Ed è per questo che li chiamo “ingegneri climatici”, perché è solo un'agenda socialista.

Cosa unisce gli europei?

Come ho detto a Bucarest nel “Make Europe Great Again”, i nostri Paesi sono diversi e unici, ma come europei abbiamo molto in comune. Condividiamo tutti la stessa civiltà, una civiltà magnifica. Ma il nostro continente è in un processo di distruzione. Attualmente, l'Unione Europea non mette la famiglia, la comunità e la Nazione al primo posto. L'UE non apprezza le nostre tradizioni e sta distruggendo le nostre screditando la nostra storia. Non possiamo permettere che ci dividano.

Ha qualche messaggio finale per le persone che voteranno alle prossime elezioni europee?

Sì, uscite e votate. Abbiamo bisogno di elettori conservatori il più possibile, perché i liberali di sinistra saranno lì a sostenere più centralismo dell'Unione Europea. E dobbiamo combattere contro questo. Quindi abbiamo bisogno di tutti i voti conservatori disponibili. Uscite e votate. Cambiamo tutta questa politica folle. Combattiamo insieme contro le minacce esterne. Riprendiamo la nostra sovranità . Rendiamo di nuovo grande l'Europa.

Candela Sol Silva
Candela Sol Silva
Studentessa di ingegneria, giornalista e intervistatore. È stata responsabile della campagna elettorale e addetta stampa del candidato alla Camera dei Deputati di Fratelli d'Italia in Sud America, Vito De Palma, alle ultime elezioni del settembre 2022.
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x