Revenge porn. Rauti (FdI): reato da non sottovalutare. Solidarietà all’arbitro Diana Di Meo

“Una coincidenza che può far riflettere. Nel giorno dell’inaugurazione dell’anno giudiziario in Abruzzo – nel quale è stato lanciato l’allarme sulle violenze sulle donne e su altri fenomeni violenti che si consumano anche in rete, come il cyberbullismo e il revenge porn – arriva la denuncia di Diana Di Meo. Lei ha 22 anni, ed è arbitro di calcio della sezione Pescara e con un post su Istagram dichiara di essere vittima di ‘revenge porn’: alcuni suoi riservati e realizzati a sua insaputa sono stati diffusi sui social. Nell’esprimere i sentimenti di vicinanza e di solidarietà a Diana Di Meo, che ha trovato il coraggio di denunciare alla Polizia ma anche pubblicamente, occorre ricordare che il ‘revenge porn’ è diventato reato con l’approvazione in Parlamento della Legge cosiddetta “Codice Rosso” – votata anche da Fratelli d’Italia – e che viene punito anche chi si rende complice della diffusione delle immagini e dei video. Questa nuova forma di violenza, esercitata in rete, è in aumento e non deve mai essere sottovalutata ma seriamente perseguita”.

Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia, Isabella Rauti, componente Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,403FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati