Riforme, Rampelli (VPC-FdI): gli italiani vogliono l’elezione diretta. E hanno ragione delegati regionali più rappresentativi di questo Parlamento

“Tra le tante riforme, mal realizzate come il Titolo Quinto o bocciate come quella di Renzi, soltanto il centrodestra ha avuto il merito di aver individuato quella davvero indispensabile: l’elezione del Capo dello Stato o quella del Capo del Governo secondo la formula del sindaco d’Italia. Il sondaggio di oggi realizzato dal prof. Ilvo Diamanti certifica un consolidamento del presidenzialismo tra gli italiani, una dimostrazione che l’elezione del presidente della Repubblica o del Presidente del Consiglio non possono essere un affare di Palazzo. Mi auguro che il prossimo capo dello Stato o il prossimo premier siano gli ultimi ‘nominati’ dal Parlamento che, oltretutto nella sua composizione attuale, è ben lungi dal rappresentare gli italiani. Sicuramente sono molto più rappresentativi i delegati regionali, freschi di un’elezione recente e diretta, che non senatori e deputati votati 3 anni fa, che sembrano 30. Le variazioni sostanziali che richiede in materia la nostra Costituzione devono essere affrontate in un contesto qualificato e specifico che solo un’Assemblea costituente può garantire, istituzione riparata dal confronto aspro e quotidiano tra maggioranza e opposizione”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia, interpellato dai giornalisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,677FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati