Robert Sarah, il Cardinale africano che critica il Global Compact

«Questo testo ci promette migrazioni sicure, ordinate e regolari. Ho paura che produrrà esattamente il contrario. Perché i popoli degli Stati che hanno firmato il testo non sono stati consultati? Le élite globaliste hanno paura della risposta della democrazia ai flussi migratori?». Parole e musica del Cardinale della Chiesa Cattolica Robert Sarah, da molti definito anti-bergoglio e continuatore dei precetti di Ratzinger e Wojtyla.

Ne parla su Libero, Antonio Socci, giornalista e scrittore, profondo conoscitore degli ambienti vaticani che anticipa alcune parti dell’ultimo libro del prelato, a breve in uscita in Italia.

Sarah, inoltre, ricorda che hanno rifiutato di firmare questo patto paesi come Stati Uniti, Italia, Australia, Polonia e molti altri. Il cardinale critica anche il Vaticano che il lo sostiene: «Sono stupito che la Santa Sede non sia intervenuta per cambiare e completare questo testo, che mi sembra gravemente inadeguato».

L’attacco ai tecnocrati. «Sembra che le tecnostrutture europee si rallegrino dei flussi migratori o li incoraggino. Esse non ragionano che in termini economici: hanno bisogno di lavoratori che possano essere pagati poco.
Esse ignorano l’ identità e la cultura di ogni popolo. Basta vedere il disprezzo che ostentano per il governo polacco».

Alla fine di questa strada – avverte Sarah – c’ è solo l’ autodistruzione. Secondo il cardinale si è approfittato della pur giusta lotta «contro tutte le forme di discriminazione» per imporre l’ utopia della «scomparsa delle patrie».
Ma questo «non è un progresso».

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati