Romanowski: “Se non aiutiamo l’Ucraina oggi, domani o dopodomani, dovremo difendere Riga, Vilnius o Varsavia”.

Pubblichiamo l'Intervista di Alvaro Penas per "El Correo de Espana" a Marcin Romanowski, vice ministro della giustizia polacco.

Pilsudski diceva che la politica russa era segnata dall’imperialismo, zarista o rosso. Questa invasione è la prova definitiva che la Russia è tornata a questa politica?

Prima di tutto, bisogna precisare che non si tratta – come alcuni pensano ancora – del ritorno della Russia al neo-imperialismo. In Polonia, che lotta da secoli contro le ambizioni russe o sovietiche di dominare il mondo, o almeno l’Europa orientale e centrale, ne siamo pienamente consapevoli. La mentalità politica russa dai tempi di Pietro il Grande è geneticamente orientata verso metodi operativi ambiziosi, aggressivi e offensivi. Comporta una violenza brutale, distruggendo la stabilità europea, qualunque essa sia. Lo scontro tra la Russia e il cosiddetto Occidente ai tempi di Pietro il Grande fu uno scontro fondamentale che ridefinì il rapporto tra la parte orientale e quella occidentale dell’Europa. Per la Russia, tutti i benefici provenienti dall’Occidente – e qui dobbiamo ricordare che la Polonia cattolica ha sempre fatto parte della cultura occidentale – come la tecnologia o le idee politiche, erano usati in modo puramente strumentale. La Russia non ha mai voluto acquisirle per entrare a far parte del circolo culturale occidentale, adottando selettivamente ciò che era conveniente e necessario per ricostruire la sua potenza militare. Ma la Russia ha usato con successo il progresso per costruire il suo impero sulle rovine della Rzeczpospolita.

Da questo punto di vista, bisogna ammettere che non c’è stata nessuna “fine della storia” proclamata da importanti intellettuali occidentali. Al massimo, l’impero russo ha un leggero affanno. È successa la stessa cosa tre secoli fa: ha approfittato del riscaldamento delle relazioni con l’Occidente e delle massicce esportazioni di risorse naturali per superare la sua arretratezza tecnologica e ricostruire le sue capacità militari. La Russia era ed è ancora un paese imperiale che cerca di espandere la sua influenza con ogni mezzo. Se non aiutiamo l’Ucraina oggi, se non fermiamo l’appetito imperiale della Russia, domani o dopodomani, dovremo difendere Riga, Vilnius o Varsavia. Quando a 30 chilometri dal nostro confine cadono bombe russe, la capitale del nostro vicino con cui un tempo abbiamo creato uno stato comune è sotto assedio, non c’è tempo per il politicamente corretto. Purtroppo, se abbiamo dei pagliacci al posto dei politici dalla parte dei vecchi paesi dell’UE, lo scenario di Putin di ricostruire l’impero russo avrà successo.

Lech Kaczyński ha avvertito di questo in Georgia nel 2008, ma sembra che nessuno abbia voluto ascoltare i polacchi finché non è stato troppo tardi.

La caduta dell'”impero del male”, come Ronald Regan chiamava l’Unione Sovietica, all’inizio era solo cautamente ottimistica. Ben presto divenne evidente che in Russia non solo le vecchie idee ma, soprattutto, le stesse persone stavano operando sotto una nuova bandiera. Le idee basate sul potere e i piani correlati per espandere la sfera di influenza russa rimasero dominanti in Russia. Naturalmente, negli anni ’90, quando la Russia era afflitta da una crisi economica permanente, una tale strategia era impossibile da attuare, anche se già allora la Russia stava flettendo i suoi muscoli – ricordiamo il dramma della Cecenia. L’economia russa si è sviluppata solo nei primi anni 2000 attraverso accordi commerciali con l’Occidente, che ha iniziato a comprare risorse energetiche su larga scala. Si credeva ingenuamente che Mosca sarebbe diventata un partner alla pari degno di fiducia strategica. I miliardi di dollari guadagnati dalla vendita di petrolio e gas naturale non hanno costruito una democrazia ma hanno alimentato la ricostruzione della macchina da guerra sovietica. Una macchina che si è mossa sulla Georgia nel 2008 e ha fatto un intervento senza precedenti in Ucraina nel 2014. Il presidente polacco Lech Kaczynski, morto in Russia in circostanze finora inspiegabili, già a Tbilisi sotto il fuoco dei missili russi pronunciò le ormai leggendarie parole: “Oggi la Georgia, domani l’Ucraina, dopodomani i paesi baltici e più tardi, forse, verrà il tempo per il mio paese, la Polonia”.

A quel tempo nessuno del cosiddetto Occidente ascoltava il presidente Kaczynski. Siamo stati accusati di russofobia, mania di persecuzione, ecc. Persino alcuni dell’odierna opposizione polacca ridevano del presidente, deridendo le sue previsioni. Dopo quasi 15 anni sappiamo che aveva ragione. La Russia non è e non sarà democratica, almeno non nel prossimo futuro. La Russia opera ancora nel contesto di essere l'”impero del male”. Inoltre, il presidente Putin dichiara apertamente di voler ricreare un tale impero, desiderando l’URSS perduta.

Contemporaneamente, la politica dell’UE guidata dalla Germania ha partecipato attivamente alla realizzazione dei piani russi. La costruzione del Nord Stream 1 e poi del Nord Stream 2 ha permesso prima l’attacco della Russia all’Ucraina nel 2014 e poi la guerra attuale. I folli obiettivi climatici del programma Fit for 55 combinati con la chiusura delle centrali nucleari aumentano la dipendenza dell’UE dalla Russia. Per la Polonia, partecipare a questo piano non sarebbe più solo un suicidio economico ma anche politico e militare. Quello che osserviamo oggi è un fallimento totale della politica europea sotto la leadership tedesca. La politica è stata portata avanti da Merkel, Timmermans, von der Leyen e Reynders. L’UE sopravviverà solo se si cambia rotta di 180 gradi.

La Polonia sta ospitando migliaia di rifugiati ucraini in fuga dalla guerra. Come sta gestendo la Polonia questa crisi umanitaria?

La guerra in Ucraina sta colpendo la popolazione civile. Bambini, donne e anziani stanno morendo, anche gli ospedali sono presi di mira. Stanno tutti fuggendo dalla guerra, cercando un rifugio sicuro. Fin dall’inizio dell’invasione russa, la Polonia ha aperto le sue frontiere ai civili in fuga dall’Ucraina. La mobilitazione generale di tutti gli uomini tra i 18 e i 60 anni è stata annunciata in Ucraina, così donne, bambini e anziani stanno fuggendo in Polonia, ma anche persone di altre nazionalità. Non ci sono adolescenti tra loro – sono rimasti volontariamente a combattere per difendere la loro patria. Abbiamo aperto tutti i valichi di frontiera, anche per il traffico pedonale. Nelle città di confine ci sono i cosiddetti punti di registrazione, dove si possono trovare cure mediche e alloggi temporanei per coloro che non hanno una famiglia o un altro posto dove andare in Polonia. Al confine, i servizi di fango sono supportati da vigili del fuoco volontari, mentre i governi locali forniscono i pasti. Ho appena parlato con un amichevole capo di un’amministrazione forestale statale locale che mi ha assicurato che gli ufficiali distribuiscono pasti caldi a coloro che attraversano il confine polacco.

Le condizioni sono difficili, ha appena iniziato a nevicare. Durante i primi quattro giorni di guerra, la Polonia ha accolto quasi 300.000 rifugiati. Questo è più di qualsiasi altro paese in così poco tempo durante la cosiddetta “crisi migratoria” del 2015. A coloro che fuggivano dalla guerra è stato dato un posto dove stare, ma soprattutto la sensazione che qualcuno si è preso cura di loro in un momento difficile. Non sono soli. Questo è anche un chiaro segnale per coloro che difendono Kyiv o Kharkiv, e qualsiasi altra parte dell’Ucraina. Possono stare tranquilli sul destino delle loro famiglie. Se decidono di fuggire in Polonia, qui troveranno sempre un posto sicuro e amichevole. La Polonia invia convogli umanitari ogni giorno, e abbiamo lanciato ulteriori collegamenti ferroviari gratuiti per dare ai civili ucraini la possibilità di fuggire. Sono stati anche istituiti treni speciali tra la Polonia e l’Ucraina per portare i feriti negli ospedali polacchi. Associazioni, fondazioni, la Chiesa, i governi locali, così come i privati si stanno unendo per aiutare. Molto spesso i datori di polacchi portano le famiglie dei loro dipendenti ucraini in fuga in Polonia, e questi dipendenti, sapendo che i loro cari sono al sicuro, tornano in Ucraina a combattere.

Ci sono anche sempre più persone che arrivano che non hanno nessuno in Polonia o in Occidente. Queste famiglie vengono trasportate in vari luoghi dell’interno della Polonia, preparati dai governi locali, dalle chiese, da varie istituzioni. Proprio mentre parliamo, tre autobus dell’Accademia di Giustizia stanno portando madri e bambini che saranno accolti nel campus della nostra scuola a Kalisz. Attraverso le parrocchie, le amministrazioni comunali, centinaia di migliaia di persone si impegnano ad accogliere i rifugiati nelle loro case. Penso che sia edificante e commovente come possiamo aiutarci a vicenda in questo momento molto difficile.

I polacchi possono distinguere tra i veri rifugiati e i normali economici, che non stanno fuggendo dalla guerra o dalla persecuzione, ma sono solo uno strumento nelle mani di dittatori che compiono azioni ibride. Vale la pena ricordare che le azioni di Polonia e Lituania verso la crisi al confine con la Bielorussia sono state spesso criticate. Anche nell’UE siamo stati accusati di insensibilità sociale, di chiudere un occhio sull’ingiustizia e persino di violazione dei diritti umani. Abbiamo costantemente affermato che le azioni sul confine polacco-bielorusso, iniziate diversi mesi fa, sono un attacco, azioni che il regime di Lukashenka e Putin ha deliberatamente iniziato per destabilizzare la situazione in questa parte d’Europa. Se avessimo ceduto a Lukashenko e Putin allora, se avessimo ceduto alle pressioni della sinistra europea, ora avremmo migliaia di “omini verdi” russi in Polonia. Chissà se non dovremmo affrontare atti di sabotaggio conosciuti dai media ucraini. Già nel novembre 2021, il governo polacco segnalò anche un’incredibile concentrazione di truppe russe lungo i confini con l’Ucraina. Nessuno ci ha ascoltato, e la nostra richiesta di interesse per la questione è stata ignorata in silenzio o sostituita dal tema dei dalla Bielorussia. Oggi vediamo che nella politica orientale erano la Polonia e altri paesi dell’Europa centrale ad avere ragione. I paesi della vecchia UE hanno vissuto in miracoloso isolamento, non vedendo o non volendo vedere il vero problema, la crisi che sta per colpirci con tutta la sua forza.

La Polonia fornisce armi all’Ucraina e sostiene tutte le azioni economiche contro Putin. Tuttavia, paesi come la Germania hanno esitato ad agire. Cosa pensa della reazione dell’Occidente a questa invasione e pensa che sarà sufficiente a fermare la guerra?

La Polonia non solo ha avvertito molto tempo fa, ma è stato uno dei primi paesi ad agire realmente. Siamo stati i primi a presentare un duro piano di sanzioni, compreso il taglio della Russia dal sistema SWIFT. Abbiamo fatto appello agli stati, ai leader e ai cittadini per un’azione reale. Siamo stati uno dei pochi a dire che oltre alle sanzioni, dobbiamo prendere per sostenere militarmente l’Ucraina. La Polonia, insieme al Regno Unito e agli Stati Uniti, ha fornito assistenza militare ai difensori dell’Ucraina. Abbiamo sostenuto, e continuiamo a sostenere, che fornendo armi o munizioni agli ucraini, stiamo anche difendendo l’Unione Europea, che è minacciata come nient’altro dall’attacco omicida della Russia all’Ucraina il 24 febbraio. Durante questi primi giorni di guerra, quando le sorti del conflitto si decidevano in senso militare, l’Unione e i suoi dirigenti erano assorti in calcoli. Sfortunatamente, gli interessi economici prevalsero nel pensare alla Russia. L’offerta tedesca di consegnare 5.000 elmetti era un imbarazzo simbolico.

Oggi, in diplomazia, è considerato un atto di coraggio nominare l’aggressore. La Polonia, dolorosamente sperimentata dalla storia, dice che tali azioni non portano a nulla. Tali azioni incoraggiano solo gli autocrati e li spingono oltre. Ogni despota si ferma solo quando sente il potere della resistenza. Fortunatamente, anche se in ritardo, i paesi dell’Unione Europea lo hanno capito, l’ultimo dei quali è la Germania. Hanno accettato il ritiro della Russia dal sistema SWIFT, e la Germania ha ritirato la sua opposizione alle forniture di armi all’Ucraina. La guerra in Ucraina e, più in generale, le aspirazioni imperiali della Russia possono essere fermate solo da un’azione unita, concreta e decisiva dell’Occidente. Coloro che parlano tanto di principi e valori hanno l’occasione perfetta per trasformare le parole in atti.

Prima dello scoppio del conflitto, la Corte di giustizia europea ha approvato la rimozione del meccanismo di condizionalità dello stato di diritto, un’arma contro Polonia e Ungheria. Qual è la sua posizione su questa sentenza?

Dopo la riluttanza della Germania e di molti altri paesi dell’UE a prendere una posizione ferma contro la Russia, ci sono stati commenti diffusi in Polonia che le uniche sanzioni che l’UE è riuscita a introdurre sono state quelle contro la Polonia. Spero che questa guerra legale ibrida della Germania e delle istituzioni di Bruxelles contro la Polonia, che va avanti da diversi anni, abbia finalmente fine. Sappiamo molto bene che l’UE non è lo stato di diritto. Grazie al regolamento sulla condizionalità, Bruxelles e Berlino de facto hanno ricevuto uno strumento facile da usare per ricattare i paesi “ribelli”.

Non si tratta dello stato di diritto ma della Polonia che osa eleggere un governo conservatore che non accetterà mai di legalizzare l’aborto “su richiesta” o i cosiddetti matrimoni “gay”. Questo meccanismo è facile da applicare perché, contrariamente alle affermazioni della Commissione europea o della Corte di giustizia europea, il regolamento usa solo termini ampi e soggettivi. Ogni avvocato sa che apre la porta a qualsiasi interpretazione. E la CGUE ha già aggirato la legge e persino violato i trattati. È anche diventata una consuetudine per perseguire una politica di centralizzazione dell’UE contraria ai trattati.

Eludere l’articolo 7 basando il meccanismo di condizionalità sul principio della maggioranza qualificata non è altro che lasciare una minoranza in balia della maggioranza. La regola dell’unanimità protegge l’uguaglianza di tutti i paesi membri. Il voto del paese più piccolo conta quanto quello della Germania o della Francia. Bruxelles ha ricevuto un’arma atomica sotto forma della capacità di un gruppo di paesi più forti di bloccare o ritirare i finanziamenti. Non dubito che Berlino userà quest’arma in tempo utile prima delle elezioni in Polonia per contribuire a installare un governo sottomesso a lei e guidato da Donald Tusk.

Oggi il capo del PPE, come primo ministro polacco e presidente del Consiglio europeo, stava attuando direttamente le politiche filo-tedesche. La decisione del 2020, quando abbiamo accettato un bilancio di 7 anni con un meccanismo di condizionalità, si è rivelata un errore disastroso non solo per la Polonia ma in futuro per tutta l’Europa. È un elemento importante per centralizzare l’UE e renderla un superstato sotto l’egemonia tedesca. Possiamo vedere le conseguenze della politica guidata dall’interesse di Berlino in Ucraina – come la Germania ha costruito il potenziale finanziario e militare di Putin nel corso degli anni.

Nel 2020, come partner minore della coalizione, abbiamo chiesto un veto al bilancio settennale che conteneva un pericoloso meccanismo di condizionalità. Sfortunatamente, questo non è successo. Nonostante gli annunci iniziali, il primo ministro Morawiecki e il primo ministro ungherese Viktor Orban non hanno usato il veto. Come possiamo vedere, il governo polacco a volte prende decisioni strategiche sbagliate. Inoltre, pochi giorni dopo la sentenza sul meccanismo di condizionalità, la CGUE ha emesso una sentenza nel caso rumeno, altrettanto pericolosa per la sovranità degli stati membri. Ha dichiarato che i tribunali ordinari non possono seguire le sentenze delle loro corti costituzionali se queste contraddicono le decisioni della CGUE.

La Corte si è messa nel ruolo di una corte suprema europea. Inoltre, i giudici degli stati membri sono, secondo la CGUE, prima di tutto “giudici europei”, non giudici polacchi o spagnoli. Questo è un tentativo diretto di prendere il controllo dell’intera amministrazione della giustizia in Europa. Una direzione molto pericolosa, contro la quale mettiamo in guardia da anni.

Infine, volevo chiederle della legge sulla violenza domestica, sta raggiungendo i risultati attesi?

Si trattava di una normativa importante e necessaria. Ma come sappiamo, il successo di qualsiasi progetto non è il suo contenuto, ma la sua attuazione pratica. Abbiamo puntato molto sulla formazione dei servizi e sul monitoraggio dell’applicazione delle nuove norme. I risultati sono molto soddisfacenti. Permettetemi di ricordare che la legge ha introdotto un ordine di polizia che impone all’autore di violenza domestica di lasciare immediatamente l’appartamento per 14 giorni, con la possibilità di estendere questo ordine da parte del tribunale in una procedura civile. Abbiamo preparato dei questionari di valutazione del rischio della polizia pratici e facili da usare, separati per adulti e bambini. Più di 300 ordini di questo tipo sono usati ogni mese. Questo è quasi il 10% di tutti gli interventi di polizia che riguardano la violenza domestica. Il mandato non è abusato, i tribunali controllano il suo uso e finora hanno trovato il 2% di errori. È interessante notare che l’uso di misure punitive riguardanti la violenza non è diminuito. Al contrario, ce ne sono di più.

L’introduzione del meccanismo politico ha aumentato l’efficacia del perseguimento della violenza domestica. La sua portata in Polonia, secondo la ricerca dell’Agenzia dei diritti fondamentali, è una delle più basse in Europa. Tutto questo dimostra che è importante introdurre strumenti efficaci e non ideologizzare il problema. Dire che la mascolinità culturalmente condizionata è la fonte della violenza, che deve essere eliminata, non porta da nessuna parte. È la mancanza di mascolinità che è la fonte della violenza, poiché la sua componente naturale è il riflesso di difendere i deboli. Paradossalmente, questo è illustrato dall’atteggiamento eroico di migliaia di soldati e civili ucraini. Ma tornando alla violenza domestica: in Polonia, conduciamo ricerche che dimostrano che la famiglia e gli amici sono il più grande sostegno per le persone che sperimentano questo tipo di violenza. Ecco perché la lotta per una famiglia sana è fondamentale per combattere la violenza domestica.

Intanto, nell’ultimo rapporto sull’applicazione della Convenzione di Istanbul, le principali accuse alla Polonia sono puramente ideologiche: non realizziamo il gender mainstreaming. Non lo facciamo e non lo faremo. L’integrazione della famiglia è la nostra idea guida. Ecco perché noi, il Ministero della Giustizia, insistiamo sul fatto che la Convenzione di Istanbul dovrebbe essere terminata il più presto possibile. Non introduce nessun valore aggiunto, nessun meccanismo reale di protezione delle casalinghe, se non l’introduzione di un discorso e di un’ideologia di sinistra nel nostro sistema giuridico. L’intero sistema di Strasburgo è degenerato. Invece di proteggere i diritti umani, conduce una guerra ideologica contro la famiglia come unione di un uomo e una donna, contro il benessere dei bambini permettendo le adozioni omosessuali o il diritto alla vita, promuovendo l’omicidio dei nascituri come “diritti riproduttivi”. Distrugge tutti i valori che sono importanti per noi e che hanno costruito la civiltà cristiana dell’Occidente capace di svilupparsi e sopravvivere per mille anni.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

  1. la Russia è l’unico stato indipendente, non sottoposto alla dittatura del grande capitale plutocratico e massonico. Quello che ha organizzato la guerra batteriologica del covid. Putin l’unica speranza di salvare 3000 anni di civiltà europea.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,375FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati