Sanità, Fantozzi-Dondolini (FdI): “La mancanza di programmazione ha creato l’attuale emergenza: per l’estate in Versilia non ci sono dottori!”

“L’Asl adesso sta cercando soluzioni tampone, ma la coperta è corta: mancano 50 tra medici di famiglia, guardie mediche e professionisti dell’emergenza/urgenza. L’assessore Bezzini come pensa di scongiurare il rischio caos?”

“Per mesi abbiamo lanciato appelli, richieste, presentato interrogazioni per l’endemica carenza di medici e infermieri in Versilia, e adesso i sindacati di categoria denunciano che per l’estate si rischia il caos per la mancanza di 50 tra medici di famiglia, guardie mediche e professionisti dell’emergenza/urgenza. L’Asl adesso sta cercando soluzioni tampone, ma la coperta è corta: l’assessore Bezzini come pensa di scongiurare inevitabili disservizi?” domandano il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Vittorio Fantozzi, presidente della Commissione regionale sulla pandemia, ed il consigliere comunale di Viareggio, Marco Dondolini.

“La carenza di personale nelle strutture sanitarie della Versilia grava enormemente sulle spalle dei lavoratori in servizio. Nei mesi ci siamo fatti portavoce delle preoccupazioni sia del personale medico, infermieristico e di tutti gli operatori sanitari, sia dei cittadini la cui sicurezza e il cui diritto alla salute sono messi a rischio. Le guardie mediche rappresentano un vero e proprio caso: ne mancano 22 sulle 30 previste in Versilia! L’Asl sembra voglia reperirle tramite un apposito bando, ma quante riuscirà a trovarne? -si chiedono Fantozzi e Dondolini- Le guardie, che sostituiscono i medici di famiglia nei giorni festivi, nei fine settimana e durante la notte, sono sottoposte a turni duri e poco pagati. L’Asl, rincorrendo l’emergenza, sta cercando di convincere alcuni professionisti delle Usca ad accettare turni negli ambulatori, 118 e pronto soccorso. Problemi anche nel settore dell’emergenza/urgenza dove, in Versilia, mancano 10 medici, un centinaio nell’Asl Nord Ovest. Sul fronte dei medici di base preoccupa soprattutto il prossimo futuro quando diversi professionisti andranno in pensione, ad oggi nei mancano 13 nel territorio versiliese ed in molti hanno raggiunto il limite massimo di 1.500 pazienti. L’idea è quella di ricorrere a giovani laureati che stanno facendo il corso di formazione. La Regione pensa di amministrare così la toscana?”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,361FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati