Sanità, Fantozzi (FdI): “La Regione si faccia promotrice del riconoscimento del diritto all’oblio oncologico”

In Consiglio regionale approvato all’unanimità un ordine del giorno di Fratelli d’Italia. “Per evitare che coloro che sono guariti da patologie oncologiche subiscano discriminazioni inaccettabili, impedendo che le informazioni relative a malattie tumorali pregresse siano considerate ai fini della valutazione della persona guarita per accedere a mutui e prestiti, assicurazioni sulla vita e adozioni”.

“Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno di Fratelli d’Italia che impegna la Regione ad intervenire affinché la Toscana si faccia promotrice del riconoscimento del “diritto all’oblio” per evitare che coloro che sono guariti da patologie oncologiche subiscano discriminazioni inaccettabili, impedendo che le informazioni relative a malattie tumorali pregresse siano considerate ai fini della valutazione della persona guarita. Un grande atto di civiltà” dichiara il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia Vittorio Fantozzi, firmatario dell’ordine del giorno.

“Nel 2022 la riabilitazione oncologica in Italia è di fatto un diritto negato -sottolinea Fantozzi- Tanto è vero che lo scorso 29 marzo è stato illustrato al Senato il Disegno di Legge che, in linea con quanto già legiferato in Francia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo e Portogallo, intende garantire agli ex pazienti il diritto a non essere rappresentati dalla malattia e a non subire discriminazioni: coloro che hanno superato la malattia oncologica da almeno 10 anni (e da 5 anni se diagnosticata prima dei 21 anni d’età) possono accedere a mutui e prestiti, assicurazioni sulla vita e adozioni. Accade invece, oggi, che chi ha avuto una malattia si trova a vivere, (quindi dopo il danno pure la beffa!), difficoltà nell’accesso ai sopra citati servizi essenziali oltre ad incontrare ostacoli nella selezione per un e nella carriera professionale. La Fondazione Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica) ha realizzato la campagna di comunicazione “Io non sono il mio tumore” con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni, nella speranza di raggiungere al più presto gli altri Paesi virtuosi, ma tante altre associazioni di volontariato sono sensibilizzate sul tema”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,490FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati