Sanità. Ghera (FdI): S.Eugenio e Cto ospedali senza cucina e pasti inadeguati

“Inaccettabile che dopo otto mesi ancora non sia stata rimessa in funzione la cucina dell’Ospedale S. Eugenio. Viene da chiedersi a chi conviene questa situazione.

Non certo ai pazienti, ai quali è fornita un’alimentazione inadeguata. I pasti principali cucinati altrove vengono distribuiti anche diverse ore dopo la preparazione con un duplice effetto negativo: scarsa qualità e ridotto potere nutritivo. Negato persino il latte fresco a colazione, sostituito da quello liofilizzato dei distributori automatici installati nel nosocomio.

Con una sola cucina attiva per l’intera Asl Roma 2 si pone anche il tema dei costi dell’appalto e del livello del servizio erogato. A queste condizioni infatti la ditta appaltatrice consegue un ingente risparmio rispetto alla ristorazione concordata. Gli oltre 15 chilometri di distanza tra il luogo di preparazione del cibo e gli ospedali in cui viene distribuito, S. Eugenio e Cto, i tempi di trasporto che rasentano l’ora di viaggio, potrebbero creare anche delle problematiche di integrità delle confezioni e di conservazione delle vivande.

Di tutto questo si è finora disinteressato l’assessore D’Amato, al quale indirizzo un’interrogazione affinché comunichi lo stato dei lavori di ristrutturazione della cucina del S. Eugenio, indichi i tempi di realizzazione, renda conto del ritardo e nel frattempo vigili sulla efficienza e regolarità del servizio catering sostitutivo.” Così in un comunicato Fabrizio Ghera capogruppo di alla Regione Lazio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,943FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati