Sanità. Torselli-Belgiorno (FdI): “Pronto soccorso come un girone infernale. Ma per Giani non esiste il buco di bilancio”

“Il governatore e l'assessore Bezzini abbiano il coraggio di dire a quanto ammonta il disavanzo”

“Oltre 50 ore parcheggiato tra un corridoio e la stanza di un pronto soccorso, disteso su un letto e coperto da un lenzuolo sporco di sangue, in stanze stipate di pazienti urlanti e in attesa di cure, con persone lasciate per giorni in balia dei loro malesseri e consolate solo da un paio di fette di pane secco. No, non è un film horror; bensì il racconto di un cittadino che, suo malgrado si è sentito male, e si è ritrovato a trascorrere lo scorso week end nel pronto soccorso dell’ospedale di Prato. L’uomo, alla fine, non è neanche riuscito a ottenere una diagnosi: è stato dimesso dopo tre giorni.

Questo è uno dei tanti racconti che quotidianamente denunciano la grave situazione dei nostri ospedali. E’ evidente: la toscana sta andando a fondo. Il blocco delle assunzioni è ormai acclarato e il buco di bilancio cresce ogni giorno. Intanto Giani continua a dire che la toscana non è in disavanzo. E’ a dir poco indecente vedere un governatore che di fronte a un problema che mette a rischio la salute dei cittadini, si gira dall’altra parte, e – addirittura – riempie di false promesse i lavoratori della sanità.

Il Presidente Giani e l’assessore Bezzini devono avere il coraggio di dire a quanto ammonta il buco di bilancio e di spiegare ai toscani perché non vengono assunti nuovi medici e infermieri e perché devono aspettare giorni in un pronto soccorso o mesi per una visita medica”. Lo denunciano Francesco Torselli e Claudio Belgiorno, rispettivamente capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio regionale toscano e nel Consiglio comunale di Prato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,397FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati