Sanzioni UE: la solidarietà di a Orban e all’Ungheria

Fratelli d’Italia è al fianco del popolo ungherese e di Viktor Orban, che l’Unione Europea vorrebbe sanzionare perché ha il coraggio di dire no all’invasione e no all’islamizzazione dell’Europa”.

È quanto ha dichiarato il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia , a margine dell’incontro che si è svolto questa mattina a Roma con l’ambasciatore ungherese, Adam Zoltan Kovacs. Il leader di Fratelli d’Italia ha voluto portare la solidarietà di al premier Orban e al popolo ungherese nel giorno del voto favorevole del Parlamento Ue alle sanzioni all’Ungheria.

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia con l’ambasciatore ungherese, Adam Zoltan Kovacs.
Giorgia , leader di Fratelli d’Italia con l’ambasciatore ungherese, Adam Zoltan Kovacs.

Con il popolo ungherese. No all’invasione dell’Europa” è stato lo striscione esposto di fronte all’ambasciata dalla delegazione di parlamentari di Fratelli d’Italia presenti al flash mob: «Il popolo ungherese – ha aggiunto Giorgia che sessant’anni fa si è sollevato contro l’oppressione sovietica per difendere la sua libertà e la sua sovranità ha ancora il coraggio di combattere contro il nuovo soviet dell’Unione Europea. E noi, oggi come ieri, siamo al loro fianco».

Gioventù Nazionale: avanti ragazzi di Budapest. Solidarietà all’Ungheria libera e sovrana.
Le sanzioni contro l’Ungheria che il Parlamento UE si appresta a votare sono un atto ostile contro una Nazione Sovrana. Quest’oggi siamo presenti, insieme ai nostri parlamentari, al presidio di solidarietà presso l’Ambasciata Ungherese per ribadire che crediamo ancora nella Sovranità Nazionale e nel sacrosanto, inviolabile diritto dei Popoli a difendere i confini della propria Patria quando questi sono minacciati. Che si tratti dei carri armati sovietici del ’56 o delle orde di clandestini di questi anni, piuttosto che dell’odiosa intromissione della tecnoburocrazia negli affari di una Nazione, i giovani patrioti italiani diranno sempre avanti ragazzi di Budapest, noi siamo con voi“. Così in una nota, Gioventù Nazionale, Movimento Giovanile di Fratelli d’Italia, in presidio davanti all’Ambasciata d’Ungheria.

Il Parlamento UE approva le sanzioni. PPE diviso, lascia “libertà dicoscienza sul voto”, ma è posizione ambigua. Strasburgo ha quindi approvato la relazione Sargentini sullo stato di diritto in Ungheria, dando così l’ok all’applicazione dell’articolo 7 dei Trattati, che può condurre a sanzioni contro il Paese. A favore hanno votato 448, 197 si sono espressi contro, 48 si sono astenuti, per un totale di 693 votanti. Ora la parola passa al Consiglio europeo, ovvero ai capi di Stato e di governo dell’Unione.

Nel Ppe, il partito di maggioranza del Parlamento europeo del quale fa parte la formazione politica Fidesz di Orban,  ben 114 membri, compreso il presidente del gruppo Manfred Weber, hanno condannato Orban, mentre 57 hanno votato contro (e le astensioni sono state le più numerose, tra tutti i gruppi politici).

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,818FansLike
3,684FollowersFollow

Leggi anche

Clientelismo sinistro. Emiliano firma assunzioni in campagna elettorale.

Mancano due giorni all’election day, all’interno di una tornata elettorale che potrà stravolgere ulteriormente gli equilibri di potere in alcune Regioni storicamente rosse, e...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Clientelismo sinistro. Emiliano firma assunzioni in campagna elettorale.

Mancano due giorni all’election day, all’interno di una tornata elettorale che potrà stravolgere ulteriormente gli equilibri di potere in alcune Regioni storicamente rosse, e...

Meloni: sinistra bugiarda e spaventata dal voto. Sfido Zingaretti e Gualtieri.

"Una sinistra bugiarda e spaventata dal risultato del prossimo lunedì continua a dire che non avremmo proposte da dare agli italiani. Sfido pubblicamente Nicola...

Cina: fuga di batteri da un laboratorio fa ammalare 3000 persone

Sarebbero oltre 3000 le persone che si sono ammalate in Cina nord-occidentale dopo la fuoriuscita di batteri da un impianto biofarmaceutico che produceva vaccini...

Grecia, arrestati sei migranti per l’incendio del campo di Moria a Lesbo

I media greci hanno pubblicato un filmato che ritengono riprendere migranti che appiccano il fuoco durante l'incendio del campo di Moria che ha lasciato...