Scuola, Drago (FdI): governo ponga rimedio a errori per assegnazione supplenze per l’anno in corso

“Il governo ha il dovere di intervenire per porre immediatamente rimedio agli errori per l’assegnazione delle supplenze e degli incarichi a tempo determinato per l’anno scolastico in corso. Se l’algoritmo, utilizzato per l’assegnazione degli incarichi per l’anno scolastico 2020/2021 è lo stesso messo in atto con la legge 107/2005, in seguito alla quale più sentenze del Tar del Lazio evidenziarono gravi lacune amministrative imputabili al Ministero dell’Istruzione, chiediamo di sapere quali provvedimenti si intenda adottare per porvi rimedio. Un’analoga interrogazione è stata presentata alla Camera dalle deputate Frassinetti e Bucalo di FdI”.
Lo scrive la senatrice di Fratelli d’Italia Tiziana Drago in un’interrogazione parlamentare destinata al ministro della Pubblica Istruzione.

“L’Ufficio scolastico regionale del Lazio e gli ATP territoriali – sottolinea Drago – sarebbero incorsi in innumerevoli errori nel conferimento delle supplenze o degli incarichi a tempo determinato del personale docente precario inserito nelle GPS e nelle GAE, determinando ad oggi il caos negli organici delle scuole di ogni ordine e grado di Roma e del Lazio. I suddetti errori sarebbero stati provocati da una fallace procedura informatizzata utilizzata per l’attribuzione e valutazione dei punteggi del personale docente precario, con conseguente compromissione della corretta posizione in graduatoria”.

“Le procedure informatiche non possono eludere le norme di diritto a discapito del personale scolastico, come già sentenziato dal Consiglio di Stato – osserva Drago – ma gli errori nelle graduatorie e nelle nomine si ipotizzerebbero come inevitabili, in quanto conseguenza diretta della O.M. n. 60/20 per la formazione delle medesime GPS nel biennio 2020/2021 e 2021/2022. La suddetta disposizione normativa contemplerebbe infatti procedure poco coerenti e compatibili con la tanto invocata semplificazione amministrativa. Ne consegue che tale drammatica situazione starebbe mettendo in serio pericolo quello che è l’ordinario svolgimento delle attività curricolari e l’organizzazione scolastica, con inevitabili ricadute sull’apprendimento degli alunni”.

“Nell’attuale e persistente situazione pandemica ed emergenziale – conclude Drago – le Istituzioni scolastiche sono fra le categorie più coinvolte per riportare un sereno ritorno alla normalità e in presenza, a favore di tutti gli studenti di ogni ordine e grado ed è quindi doveroso oltre che necessario che il governo faccia la sua parte per riportare subito questa situazione all’ordine”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,387FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati