Scuola, FdI: riforma reclutamento e formazione fa acqua da tutte le parti

“Se oggi tutto il mondo della scuola si è mobilitato, il ministro Bianchi, necessariamente, dovrà porsi delle domande. La nuova riforma sul reclutamento e la formazione dei docenti fa acqua da tutte le parti. Si continua a proporre la solita procedura concorsuale, come quella dei test a crocette, un sistema fallimentare, impopolare. Una riforma che allontana sempre più l’obiettivo di dotare la nostra scuola di un corpo docente di qualità”.
Lo dicono Ella Bucalo e Paola Frassinetti, deputati di Fratelli d’Italia e rispettivamente responsabile Scuola e del dipartimento Istruzione.
“Una riforma – proseguono – che non garantisce tutela ai docenti precari, priva di un canale parallelo a quello dei concorsi. Ancora una volta si esclude la possibilità di conseguire l’abilitazione a chi da anni insegna nelle scuole paritarie e nei percorsi Iefp, nonostante facciano parte a pieno titolo del sistema di nazionale. Inconcepibile che la formazione professionale venga vista come un costo e non come un investimento, e che si pensi che tale spesa possa essere compensata dal graduale taglio di 9600 cattedre di potenziamento, a partire dal 2026, e dai tagli progressivi alla carta del docente. Con totale esclusione del personale ATA”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati