Secondo il “sultano” Erdogan “nessun musulmano può essere un terrorista”

Il presidente islamista turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato mercoledì scorso che “nessun musulmano può essere un terrorista” perché solo le persone “dal cuore nero” possono commettere quel crimine.

Il giorno dopo, i sospetti jihadisti hanno lanciato un’ondata di almeno cinque attacchi e tentato attentati contro civili e obiettivi francesi. I leader musulmani di tutto il mondo hanno condannato la Francia per settimane dopo che il presidente Emmanuel Macron ha onorato Samuel Paty, un insegnante francese decapitato da un jihadista dopo aver mostrato agli studenti le vignette su Maometto.

Il giovedì è una festività musulmana sunnita nota come Mawlid, in cui si osserva il compleanno di Maometto.

Erdogan ha rivolto il suo discorso al gruppo parlamentare del suo partito islamista, e Sviluppo (AKP). Secondo l’agenzia di stampa statale Anadolu, stava discutendo del dibattito mondiale scatenato dalla decapitazione di Paty e dalla campagna di Macron per reprimere i violenti islamisti e per difendere la libertà di parola dopo la decapitazione. Oltre all’azione dello Stato francese contro i jihadisti, le città francesi hanno proiettato sui muri degli edifici grandi versioni di vignette blasfeme raffiguranti Maometto della rivista satirica Charlie Hebdo.

“Purtroppo stiamo attraversando un periodo in cui l’ostilità verso l’Islam, i musulmani e la mancanza di rispetto per il Profeta Maometto si sta diffondendo come un cancro, soprattutto tra i leader in Europa”, ha detto Erdogan.

“Nessun musulmano può essere un terrorista, e nessun terrorista può essere musulmano perché un terrorista è un assassino dal cuore nero e sanguinario che non esita a uccidere innocenti per raggiungere i propri obiettivi”, ha aggiunto il presidente.

Erdogan ha in precedenza negato l’esistenza di un Islam moderato.

“Questi epiteti di “ moderato” sono molto brutti, sono irrispettosi e sono un insulto alla nostra religione”. Non esiste un moderato o smodato”. L’ è l’Islam e basta”, ha detto Erdogan in un evento ospitato dall’Organizzazione della Cooperazione Islamica nel 2017.

“È una questione d’onore per noi schierarci sinceramente contro gli attacchi contro il nostro profeta, che ha onorato la Mecca, Medina, l’Asia, l’Africa, l’Europa, il mondo intero, tutto il mondo e tutte le volte […] Moriremo non il giorno in cui esaleremo l’ultimo respiro, ma il giorno in cui rimarremo in silenzio e non risponderemo di fronte a questi attacchi”, ha continuato Erdogan. Egli ha definito la difesa di Macron della libertà di parola “feroce, provocatoria, brutta, [e] odiosa”.

Erdogan ha concluso che “i nemici dell’ e della Turchia affogheranno [sic] in una palude di odio in cui sono entrati per la libertà”. Questi sono i segni del ritorno dell’Europa alla sua era barbarica”.

Erdogan aveva già messo in discussione la salute mentale di Macron per la sua difesa della libertà di espressione dopo l’uccisione di Paty, suscitando l’indignazione dei francesi. Le osservazioni particolarmente velenose di Erdogan contro Macron hanno attirato la derisione e la rabbia dei francesi, tra cui lil farlo apparire come un cartone animato sulla copertina di Charlie Hebdo in mutande, apparentemente sollevando la gonna di una donna vestita con un abito simile a quello che la First Lady turca Emine Erdogan indossava al vertice NATO del 2017. La didascalia diceva: “in privato, è molto divertente!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,177FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati