Sei di destra? È giusto insultarti e minacciarti

Perché se gli insulti sono rivolti ad alcuni esponenti politici sono persino tollerati? Se le minacce vengono indirizzate al presidente di Fratelli d’Italia, perché non si attivano i “giornaloni”, né partono campagne di e condanna da parte di alcune compagini politiche? Semplice: se sei di , allora non hai diritto allo stesso trattamento degli altri. E come ulteriore “aggravante”, come per , se sei donna e di allora alcune infamie sono persino giustificate.

È quel vizietto cronico dei razzisti di sinistra: disprezzo totale per il rivale. È quella innaturale capacità che hanno alcuni soggetti di provare a giustificare sempre e comunque le offese che arrivano a chi non la pensa come loro. È il loro classico modus operandi: se sei di , meriti le offese.

Un insulto è un insulto, una minaccia è una minaccia e indipendentemente da chi e in che modo vengono formulati, dovrebbero essere condannati fermamente da tutti. Il confronto tra idee diverse, tra opinioni, tra pareri, non dovrebbe mai sfociare in minacce di , auspici nefasti e pensieri che farebbero rabbrividire chiunque.

Eppure questa è la situazione: l’hate speech, il bullismo da tastiera e il costante incitamento all’odio o si condannano sempre oppure no. Ed è inutile che alcuna intellighenzia si nasconda o si tiri indietro alla prima occasione quando proprio quell’odio che provano a tirare in ballo ogni due minuti, proviene per lo più da il loro .

Basta guardare prima nel proprio orticello, quello da cui vengono fuori i peggiori fatti. Proprio lì, tra Bibbiano e i truffati delle .

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,406FansLike
5,915FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x