Severodonetsk, la nuova Azovstal. Centinaia di civili resistono nello stabilimento

Mentre la Russia stringe il cappio su Severodonetsk, aumentano i timori di un altro brutale stallo mentre gli ucraini si rifugiano nei rifugi antiaerei nella fabbrica di Azot

Più di 1.000 soldati ucraini fatti prigionieri dopo l’assedio di Mariupol sono stati trasferiti in Russia, ha riferito mercoledì un’agenzia di stampa statale russa. I combattimenti tra le forze ucraine e russe sono continuate nella città ucraina orientale di Severodonetsk e il governatore della regione ha affermato di non poter escludere una ritirata dalla città da parte delle forze ucraine.

Il ministero della Difesa del Regno Unito ha affermato che la Russia stava attaccando Severodonetsk da tre direzioni, ma le difese ucraine stavano reggendo ed era improbabile che entrambe le parti avessero guadagnato terreno significativo nelle ultime 24 ore. Con le forze russe e ucraine che si affrontano lungo un tratto di oltre 300 miglia, le due parti affrontano sfide simili nel mantenere le proprie difese liberando unità di combattimento capaci per operazioni offensive, ha affermato in un aggiornamento quotidiano dell’intelligence.

“Si teme che Severodonetsk possa avere il suo Azovstal. Circa 800 persone si nascondono nei rifugi antiaerei dell’era sovietica sotto l’impianto chimico di Azot in città”, ha detto su Twitter Kira Rudik, una parlamentare ucraina del partito Golos.

Sergiy Haidai, il governatore di Luhansk, ha dichiarato giovedì: “Ci sono persone del posto a cui è stato chiesto di lasciare la città ma hanno rifiutato. Anche i bambini, anche se non molti».

Continuano i pesanti combattimenti

L’acciaieria Azovstal a Mariupol è diventata un simbolo della resistenza ucraina contro l’aggressione russa dopo che un contingente di circa 2.000 soldati l’ha trasformata in una fortezza e ha resistito agli attacchi russi per settimane. Diverse centinaia di civili si erano nascosti anche nell’acciaieria.

Dopo aver esaurito cibo, acqua e munizioni, si sono arresi tutti alle forze russe il mese scorso.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,506FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati