Shugaley: il film che non andrà mai su Netflix, ma che tutti dovremmo guardare.

Un sociologo e il suo traduttore nel corso di una ricerca nella Libia post Gheddafi vengono a conoscenza di informazioni che se rese pubbliche potrebbero minare la stabilità del Governo di Accordo Nazionale (GNA ).  Presi di mira da tutti i diversi gruppi che in Libia esercitano il potere inizia la fuga dei due ricercatori tra le dune del deserto e i palazzi del potere.

Poteva essere la sinossi di un’altra classica spy story in salsa americana, e terminare con il trionfalismo dei più noti esportatori di democrazia, ma il film Shugaley, diretto da Denis Neimand, racconta i fatti che seguirono la caduta del rais libico da un’altra prospettiva della storia, quella russa. I protagonisti sono infatti i sociologi russi Maxim Shugaley e Samir Seifan realmente inviati in Libia.

Il film, che prende spunto da una storia vera, racconta le diverse anime che più o meno scopertamente compongono il governo retto da Fayez al Sarraj. Fratelli musulmani, turchi, islamisti, tutti detengono una fetta del potere e tutti lotteranno affinché lo stato delle cose non muti e gli eredi del rais non tornino sulla scena politica.

Il film è girato in russo ma gratuitamente disponibile su Youtube in lingua inglese, anche se per atmosfere e ricercatezza degli effetti visivi non sfigurerebbe su piattaforme ben più mainstream. Ciò che impedisce a Shugaley il salto su Netflix e simili è infatti nei contenuti, e attiene alla decostruzione di alcuni miti che riguardano la caduta di Gheddafi ancora ben radicati in Occidente.

Il cinema è il più potente elemento di soft power, ampiamente usato dagli Usa per estendere la propria egemonia sulla vicina Europa e non solo. Dagli anni d’oro di Hollywood, che coincidono non a caso con gli anni del Piano Marshall, gli Usa danno vita a una grandiosa industria del cinema. Tuttavia il prodotto non è settima arte, ma con un pacchetto di valori, sintetizzati nel “sogno americano”, che i Paesi occidentali non hanno mai smesso di acquistare.

In Shugaley la fotografia assume una valenza narrativa attraverso il doppio binomio che lega la luce alla violenza scoperta e l’ombra alle stanze del potere. Il regista separa così i campi aperti e luminosi del deserto, dove avvengono le torture degli islamisti e dove si sostanzia il controllo sul territorio dei gruppi armati, dalle stanze chiuse e buie in cui  il potere sigla i suoi accordi sottobanco. Una cesura che segna anche i momenti in cui avviene l’azione e dove non mancano parentesi umoristiche in grado di calibrare la crudezza del racconto.

Tra le dune inondate di sole anche le prigioni dove i protagonisti vengono torturati hanno feritoie che permettono l’entrata di una luce brutale. Il messaggio è chiaro: certa violenza non ha bisogno dell’oscurità per agire.

Con l’esistenza stessa del suo film Neimand mostra che il racconto politico è una somma di numerosi fattori. La cultura e lo spettacolo sono parte di una industria molto più grande che non si esaurisce nelle relazioni diplomatiche e nelle stanze del potere: c’è sempre una verità molto più in luce che spesso è ignorata.

Shugaley è un prodotto godibile e soprattutto radicalmente nuovo nelle intenzioni che fa quello che ogni buon film dovrebbe fare: intrattenere e aprire la mente a un’altra visione delle cose.

 

Ulderico de Laurentiis
Ulderico de Laurentiishttp://www.uldericodelaurentiis.it
Direttore Responsabile de "La Voce del Patriota".

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,499FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati