Simoni (FdI): proposte a sostegno del Teatro e dello Spettacolo

In qualità di Responsabile Nazionale del Dipartimento Teatro e Spettacolo di Fratelli d’, riporto di seguito una serie d’interventi richiesti a gran voce dal mondo del Teatro e dello Spettacolo, categorie in assoluto tra le più colpite dai provvedimenti determinati dal Covid19.

L’ obiettivo è quello di portare ossigeno al Teatro e allo Spettacolo nel pieno rispetto dell’emergenza del momento. Nell’immediato, per evitare il collasso dell’intero settore e che i lavoratori dipendenti e autonomi siano ridotti alla fame, è necessario che il :

  1. Destini AIUTI ECONOMICI dignitosi e continuativi per le imprese e soprattutto per i lavoratori letteralmente abbandonati a se stessi. Aiuti che devono servire a sostenere il settore messo in ginocchio dalle restrizioni e dai divieti nell’organizzazione di eventi. Le imprese e i lavoratori non hanno voce sulla mancanza di attività perché dipende totalmente da regole governative e non dall’adeguamento o meno a norme di sicurezza sanitaria;
  2. Istituire un TAVOLO TECNICO con tutte le parti coinvolte del settore che stabilisca a breve un sistema di regole per la ripartenza graduale, in modo che quando la situazione sanitaria lo renderà possibile non ci si trovi impreparati e si debba improvvisare, come già è accaduto. L’industria dello Spettacolo, come tutte le altre industrie, ha bisogno di strategie ad hoc e programmazione nel tempo.

In questi mesi di emergenza, il Teatro e lo Spettacolo dal vivo sono riusciti a trasformare la resistenza passiva al virus in opportunità di cambiamento, definita oggi come RESILIENZA TRASFORMATIVA che non guarda ad una ripartenza quantitativa, ma ad una qualitativa. Tante piccole realtà hanno fatto sistema (produzione, promozione, distribuzione e vendita) e rivisto le regole (protocolli di sicurezza e fruibilità dello spettacolo//streaming/) stabilendo un nuovo rapporto con il pubblico.

Alla luce dell’esperienza maturata in questi mesi di riapertura limitata che hanno rilevato un CONTAGIO ZERO (dati organismi di tracciamento e controllo teatri), ritenendo di poter operare in completa sicurezza, si propone alle istituzioni governative di ripensare la strategia operando un analisi seria delle vie sicure percorribili per le attività del settore, quali:

  1. INTRATTENIMENTO LEGATO ALLA SOCIALITA’. La chiusura forzata ha dimostrato ampiamente quanto sia importante la SOCIALITA’ soprattutto tra i giovani. L’ del “Teatro chiuso” (punto .3) potrebbe essere dedicata una volta alla settimana alle scuole secondarie superiori che alternativamente partecipano (in presenza e non in ) per un avviamento alla recitazione e alla drammatizzazione. Particolare attenzione al mondo dei più con SPETTACOLI A MISURA DI BAMBINO anche per dar ristoro ad una categoria dello Spettacolo dal vivo che si dedica all’infanzia e ai ragazzi (spesso gli artisti sono a loro volta giovanissimi);
  2. TEATRO CHIUSO, dove le strutture teatrali possano produrre e lavorare a porte chiuse nel tempo del , dedicando alla ricerca, alla e alla progettazione i loro sforzi, garantendo, come nelle altre aziende, protocolli di sicurezza interni per gli artisti e le maestranze che lavorano. Se è consentito agli altri perché non al Teatro?
  3. PERFORMANCE APERTE AL PUBBLICO, con spettatori contingentati nel numero massimo di 50/60 ogni giorno (obbligo di prenotazione e tracciamento), ripetendo il meccanismo, ma arrivando a tutti con differite in , dirette streaming e ogni altra forma di diffusioneon linee multimediale. In questo modo gli artisti potrebbero continuare a lavorare nei teatri chiusi (ma comunque sempre con un “calore” minimo di pubblico), facendo e ricerca drammaturgica, interdisciplinare, sull’utilizzo delle nuove tecnologie, sulle arti applicate alle arti performative e molto altro, il Teatro continuerebbe a creare linfa vitale per le società.

Per sostenere le attività di cui sopra (punti .3 e .4) il dovrebbe prevedere:

  1. Una NORMATIVA EMERGENZIALE DEL FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo), per sostenere economicamente i Teatri, le compagnie e le scuole in questo percorso. Interventi che dovranno superare la solita logica dei “teatri di tradizione” (i “teatri dei soliti noti”), ma basati sugli ultimi tre anni di attività documentata;
  2. L’INTERVENTO DELLA con RAICULTURA (canale tematico) e RAIPLAY (piattaforma multimediale della , canale scaricabile con App e smart ) per la diffusione capillare del prodotto di alta valenza qualitativa creato a “Teatro chiuso”, garantendo così libero accesso (gratuità) agli spettacoli, grazie alla trasmissione differita in e in streaming, a tutte le persone in emergenza sociale ed economica, e ristoro per le menti già duramente provate. In questo percorso sarà necessario coinvolgere il nostro membro nel CDA Giampaolo Rossi (da me già contattato).

Per quanto compete al Dipartimento, lo sforzo è quello di creare un SISTEMA TURISTICO/CULTURALE INTEGRATO, declinato oggi al TEATRO SOSTENIBILE (- rispettoso delle normative ambientali e sanitarie – a low cost – rivolto all’aiuto sociale ed economico della popolazione), che attraverso una “RETE TEATRALE AMICA”, possa nel momento emergenziale, GETTARE LE BASI PER Il FUTURO DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO NON OMOLOGATO, che sappia cogliere gli aspetti positivi che dovranno ispirare alla rigenerazione morale e a nuovi modelli di lavoro. Oggi dobbiamo guardare ad una WELFARE SOCIETY piuttosto che ad un welfare state; abbiamo bisogno di una sussidiarietà

vera, rispettosa degli aspetti individuali e collettivi, con particolare attenzione alle “categorie fragili” (giovani, anziani, donne, diversamente abili, … e appunto artisti).

Per promuovere il nostro progetto, al di là dei soliti convegni, appena sarà possibile e nel rispetto di tutti i protocolli, ci proponiamo di organizzare:

  1. Una PERFORMANCE TEATRALE, dal titolo“Al tempo del Corona Virus”, che veda protagonisti attori, cantanti, ballerini, registi, produttori, ed operatori dello spettacolo in genere in un’ di parola, musica, ballo e recita (interventi tematici e rappresentazioni artistiche). Come location uno dei tanti teatri di Roma (esempio lo storico Teatro Quirino-Vittorio Gassman dove si svolgeva il Premio per il Teatro Giorgio Almirante), luogo simbolo di tutto il mondo dello spettacolo dal vivo. Tale evento potrebbe poi essere ripetibile anche a Milano, capitale economica del Paese. Naturalmente sarà fondamentale la copertura Tv e multimediale.

Massimiliano Simoni, Responsabile Nazionale Dipartimento Teatro e Spettacolo Fratelli d’

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

19,663FansLike
5,794FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x