Sisma, Meloni all’attacco: la ricostruzione non è mai partita.

È la tempestività nelle risposte la prima sfida che lo Stato dovrebbe vincere quando affronta il tema del terremoto, perché i cittadini colpiti chiedono soprattutto due cose: una ricostruzione rapida e di poter continuare a vivere e lavorare nei loro territori. Fratelli d’Italia lo ha ribadito al governo con le sue proposte al decreto terremoto ma non c’è stato niente da fare: i grillo-leghisti hanno in pratica deciso di continuare a seguire la strada di Gentiloni e dalla sinistra. Per questo una delegazione composta  dai nostri deputati-sindaci è andata nelle Marche e ha fatto un sopralluogo a Fiastra per vedere a che punto sono i lavori di ricostruzione della casa di nonna Peppina.

Quello che abbiamo trovato ci ha lasciati sconcertati:  è ancora tutto lì, macerie e desolazione, come se il tempo si fosse fermato al 2016. Per questo rivolgo al presidente Conte e al governo un appello che spero proprio non resti inascoltato: è ora di svegliarsi perché la ricostruzione non c’è. basta parole, basta promesse, basta foto e passerelle: lo Stato ha già perso troppo tempo, questo governo non ne perda altro“.

Così il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia dopo la visita della delegazione di Fratelli d’Italia nei comuni Delle Marche colpiti dal sisma.

Infatti oggi una delegazione di deputati-sindaci di Fratelli d’Italia guidata da Paolo Trancassini, sindaco di Leonessa e Francesco Acquaroli, già sindaco di Potenza Picena, si è recata nelle Marche per visitare i comuni del cratere a due anni di distanza dal sisma che ha colpito il centro Italia.

Vogliamo rivolgere un appello a deputati e senatori che provengono dalle zone colpite dal sisma per fare squadra dal punto di vista parlamentare. Occorre anzitutto riaprire il decreto, perchè tutti sappiamo che la ricostruzione non c’è e che c’è bisogno di emendare il decreto anche con norme che non prevedano un aumento di spesa: questo è importante soprattutto per velocizzare la ricostruzione privata, elemento che potrà fare la differenza. Come abbiamo presentato una serie di emendamenti, ma come abbiamo visto in Commissione, Lega e M5s hanno blindato il decreto. Se il decreto non verrà riaperto, si perderà l’occasione di dare risposte immediate: dall’attuale governo attendiamo un segnale forte in questo senso“.

Nel corso del tour la delegazione ha incontrato una folta rappresentanza di amministratori dei centri compresi nel cratere del sisma. Il momento culminante è stato il sopralluogo a Fiastra con la visita per constatare lo stato dei lavori di ricotruzione della casa di Nonna Peppina, la signora che ha visto i sigilli posti sull’abitazione sorta a poca distanza da quella distrutta dal sisma dell’ottobre 2016.

Nella vicenda che ha coinvolto nonna Peppina colpisce la velocità e l’esagerazione della risposta dello Stato a quello che è stato un atto emergenziale. Invece di andare a rimuovere le macerie dalla zona rossa, si è preferito fare 50 metri in più e andare a mettere sotto sequestro la sua nuova casa, quella che le serviva a mantenere forti le radici con questa terra. Un segnale totalmente sbagliato da parte dello Stato che testimonia la sua presenza colpendo chi prova a ricominciare da zero, voltandogli le spalle nel modo peggiore“.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,159FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati