Slovenia: le conseguenze del doppio standard a Bruxelles. L’UE tace mentre un governo di sinistra chiude i media conservatori

Pubblichiamo l'articolo a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicato su The European Conservative

Quando la polizia polacca ha fatto irruzione nella sede di TVP World per chiudere l'emittente, molti hanno sottolineato che immagini del genere non appartengono alla democratica Unione Europea. Tuttavia, a distanza di pochi mesi, la stessa cosa è accaduta in Slovenia.

Ieri, 29 maggio, la polizia è entrata nella sede dell'emittente conservatrice Nova24TV e ha perquisito l'abitazione privata del suo direttore, Boris Tomašič. Per l'attivista dell'opposizione venezuelana Alejandro Peña Esclusa, conoscitore della slovena, “il comportamento del governo sloveno assomiglia a quello delle dittature caraibiche, il che non sorprende visto che uno dei partiti della coalizione di governo, Levica, ha stretti legami con il regime venezuelano”. Il raid, chiaramente illegale, ricorda le misure adottate 20 anni fa da Hugo Chávez per chiudere la principale stazione televisiva indipendente del Venezuela”.  

Ma cosa dicono di questo a Bruxelles? Come nel caso della Polonia, dove il governo di Donald Tusk ha ricevuto la benedizione dell'Europa nonostante l'epurazione dei media conservatori, i due pesi e due misure di Bruxelles sono scandalosi. Durante il precedente governo di centro-destra, con un governo di coalizione guidato dal Partito Democratico (SDS) di Janez Janša, Bruxelles ha accusato la Slovenia di “autoritarismo”. Le , i media e, in particolare, Věra Jourová, vicepresidente della Commissione europea e commissario per i valori, hanno espresso forti preoccupazioni sull'“orbanizzazione” del governo sloveno e sulla mancanza di libertà di stampa nel Paese balcanico, spingendo una missione di monitoraggio del Parlamento europeo a indagare se lo “Stato di diritto” fosse a rischio. Lo stesso Janša ha denunciato questa campagna, osservando che “la Commissione europea dovrebbe rimanere fuori dalle battaglie politiche”.

Tuttavia, tutte le pressanti preoccupazioni della Commissione europea sono scomparse nell'aprile 2022, con la vittoria del Movimento per la Libertà di Robert Golob, che ha conquistato il governo con il sostegno della sinistra. Una delle promesse pre-elettorali di Golob è stata quella di distruggere i media di destra, che ha definito “fabbriche del male”; ha inoltre minacciato chiunque facesse pubblicità ai media di destra e ha promesso di “liberare” la televisione .

Innanzitutto, hanno “liberato” la televisione nazionale modificando la legislazione e aggirando le convenzioni concordate (molto simile a quanto sta accadendo ora in Polonia). La Corte Costituzionale ha inizialmente sospeso la legge, ma, dieci giorni dopo, ha cambiato idea dopo che Věra Jourová si è incontrata con il presidente della corte e ha permesso al governo di Golob di assumere il pieno controllo della televisione nazionale. Tutti i giornalisti non di sinistra sono stati licenziati con il clamoroso silenzio dell'Associazione dei giornalisti sloveni e delle associazioni giornalistiche internazionali.

D'altra parte, l'Assemblea nazionale ha istituito una commissione d'inchiesta composta da giornalisti “indipendenti”, cioè attivisti di sinistra, e da parlamentari di sinistra per indagare su eventuali finanziamenti illegali ai partiti (l'SDS di Janez Janša) e ai media, ma solo a quelli conservatori (Nova24TV e la rivista Demokracija). Anche in questo caso, il fatto che un governo abbia deciso di indagare sull'opposizione, i suoi avversari ideologici, non ha fatto scattare alcun campanello d'allarme a Bruxelles.

l risultato dell'indagine, come prevedibile, è stato che i media di destra sono stati finanziati illegalmente e hanno accusato anche la SDS di finanziamenti occulti. La commissione ha interrogato tutti i dirigenti dei media di destra, diversi sindaci di comuni e proprietari di aziende private che commissionavano pubblicità sui media. Secondo il giornalista Bogdan Sajovic, “le accuse sono assurde, ad esempio un sindaco è stato accusato di aver pubblicato una pubblicità sui media di destra in occasione di una festa comunale, e un altro perché il suo comune ha ordinato tre copie della rivista Demokracija… La commissione si sta comportando in modo totalmente stalinista ed è arrivata persino a richiedere gli elenchi degli abbonati alla rivista”.

Gli eventi di ieri sono il risultato dell'indagine sulla società statale Telekom per il presunto finanziamento di Nova24TV. L'indagine contro Telekom e alcuni suoi dirigenti ha portato all'irruzione in Nova24 e alla perquisizione dell'abitazione del suo direttore, Boris Tomašič, anche se al momento dell'indagine non era ancora direttore.

Per Sajovic, “l'intera indagine è praticamente al limite dell'illegalità, ed è fondamentalmente un tentativo di diffamare e intimidire Nova24 e il suo direttore durante il periodo pre-elettorale”. Mojca Kocjančič, il giudice che ha ordinato la perquisizione, è nota per le sue posizioni di sinistra.

Un altro giornalista che conosce bene la persecuzione dei media conservatori è Jože Biščak, presidente dell'Associazione slovena dei giornalisti patriottici ed ex direttore di Demokracija. Nel settembre 2022, Biščak è stato condannato per aver pubblicato sulla rivista Demokracija un articolo satirico contro l' clandestina di Alexander Škorc. “Sono stato condannato a sei mesi di reclusione e due anni di libertà vigilata per presunta diffamazione degli immigrati, e l'autore a cinque mesi di reclusione e due anni di libertà vigilata. È un paradosso che io abbia ricevuto una condanna più lunga dell'autore. Questo dimostra che l'obiettivo del processo era la rivista Demokracija”.

A suo avviso, l'attacco ai media conservatori sloveni è una conseguenza del fatto che l'élite di sinistra, che controlla più dell'80% dei media, è convinta che la sua opinione sia l'unica che conta. “Qualsiasi deviazione dal loro punto di vista viene etichettata come xenofobia, razzismo o qualsiasi altra fobia”.

Il raid contro Nova24 arriva nel bel mezzo della campagna elettorale europea, ma oltre alla minaccia che rappresenta per i media conservatori, è anche una reazione rabbiosa da parte di una sinistra che secondo tutti i sondaggi subirà una grave sconfitta? Janez Janša risponde a questa domanda in modo affermativo: “Sì, Golob ha già perso metà del suo sostegno popolare in meno di due anni. Realisticamente, i partiti della coalizione di governo riusciranno a conquistare solo tre dei nove seggi della Slovenia”.

La probabile sconfitta della coalizione di Golob è una buona notizia, ma non dobbiamo abbassare la guardia di fronte a questa pericolosa deriva autoritaria che sta diventando sempre più comune. La persecuzione dei media dissidenti e gli attacchi alla libertà di espressione non sono più appannaggio esclusivo delle autocrazie, e ora vengono lasciati dilagare dall'ipocrita doppio standard delle istituzioni di Bruxelles. Questo è un ulteriore motivo, non meno importante, per cui è necessario un cambiamento di rotta nelle prossime elezioni europee. Speriamo che la Slovenia sia uno degli assi di questo cambiamento.   

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x