Spagna, quel patto d’infamia tra Sanchez e i separatisti

"Questo non è il momento dei partiti, è il momento di mettere da parte le nostre differenze per difendere la nazione".

Pubblichiamo l'articolo di Alvàro Peñas – tradotto in italiano – tratto da  The European Conservative.

Il 9 novembre passerà alla storia come un giorno nero per la Spagna. In un hotel di Bruxelles, il Partito Socialista (PSOE) di Pedro Sánchez ha firmato un accordo con il partito separatista catalano Junts, guidato dal fuggitivo Carles Puigdemont. In cambio dei sette voti di cui Pedro Sánchez ha bisogno per giurare come presidente, i socialisti hanno accettato non solo l'amnistia, ma anche la negoziazione di un futuro sull'autodeterminazione. Hanno accettato la presenza di un “meccanismo” internazionale (un eufemismo per indicare un mediatore) per “risolvere il conflitto” e verificare il rispetto dell'accordo da parte di entrambe le parti; più soldi per il governo catalano – Junts vuole che tutte le tasse raccolte in Catalogna restino in Catalogna – e la partecipazione del governo catalano alle istituzioni europee e alle organizzazioni internazionali. Tutte queste clausole faranno avanzare “il riconoscimento della Catalogna”. Il PSOE ha oltrepassato tutte le linee rosse che aveva promesso di rispettare e ha ceduto a tutte le richieste dei separatisti.

L'indulto comprende “sia i responsabili sia i cittadini che, prima e dopo la consultazione popolare del 2014 e il referendum del 2017, sono stati oggetto di decisioni o procedimenti giudiziari legati a questi eventi”.

Oltre a un'amnistia molto ampia, il PSOE si è impegnato a creare commissioni parlamentari di indagine per esaminare altri casi giudiziari al di fuori del procés (il processo di indipendenza). Ciò è legato alla tesi del “lawfare” avanzata dai separatisti, che sostengono che il sistema giudiziario spagnolo serva interessi politici e perseguiti i politici separatisti per motivi ideologici. Il PSOE condivide questa tesi.

Questo lascia la porta aperta a chi è stato condannato per corruzione per sfuggire alla giustizia. Ciò potrebbe includere la grazia per la famiglia dell'ex presidente del governo catalano Jordi Pujol, che ha commesso una serie di reati, o per Laura Borrás, ex presidente del Parlamento della Catalogna, condannata a quattro anni e mezzo di carcere per prevaricazione e falsa documentazione. La grazia potrebbe essere concessa anche per casi più gravi, come Gonzalo Boye, avvocato di Puigdemont ed ex terrorista, perseguito per riciclaggio di denaro in un caso di traffico di droga.

Questo attacco al sistema giudiziario ha provocato una risposta da parte della magistratura. Le quattro associazioni di giudici spagnole – l'Asociación Profesional de la Magistratura, l'Asociación Judicial Francisco de vitoria, il Foro Judicial Independiente e Juezas y Jueces para la Democracia (un'associazione di sinistra che ha sostenuto l'amnistia fino a quando non sono stati resi pubblici i dettagli di questo patto) – hanno emesso un comunicato in cui affermano che il patto tra i socialisti e la Junts “rompe la separazione dei poteri”. Il documento conferma che i giudici “sono soggetti solo allo stato di diritto”. Nel tardo pomeriggio, la Commissione permanente del Consejo General del Poder Judicial (CGPJ) – l'organo che rappresenta la magistratura – ha emesso un nuovo comunicato in cui denuncia una “inammissibile interferenza nell'indipendenza giudiziaria e un flagrante attacco alla separazione dei poteri”. Questo messaggio è stato approvato anche da due magistrati nominati dal Partito Socialista.

Anche l'Associazione del Corpo Superiore degli Ispettori del Tesoro dello Stato ha dichiarato il suo “rifiuto assoluto” dell'accordo PSOE-Giunti, poiché evidenzia una “rottura dell'attuale regime costituzionale” in molti modi diversi, anche dal punto di vista finanziario. Le tre associazioni di procuratori (compreso il gruppo di sinistra) hanno anche rilasciato un documento congiunto in cui lo descrivono come un “attacco senza precedenti all'indipendenza giudiziaria che si traduce in un assoluto disprezzo per il nostro Stato di diritto”.

Il presidente del Partito Popolare (PP), Alberto Núñez Feijóo, ha dichiarato che l'accordo è “un attacco senza precedenti alla democrazia”. Per Feijóo, l'ambizione di Sánchez, che “non conosce limiti”, sta dando la vittoria ai sostenitori dell'indipendenza. La presidente della Comunità di Madrid, Isabel Díaz Ayuso, è stata più schietta: “Ci hanno portato una dittatura dalla porta di servizio e siamo all'inizio”. Da parte sua, Santiago Abascal ha sottolineato l'inizio di un periodo buio nella storia della Spagna e ha fatto appello all'unità di fronte al colpo di Stato: “Questo non è il momento dei partiti, è il momento di mettere da parte le nostre differenze per difendere la nazione”.

Un tentato omicidio

Nel mezzo del tumulto per il patto d'infamia, il 9 novembre a Madrid è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa il politico veterano Alejo Vidal-Quadras. Vidal-Quadras è stato presidente del Partido Popular in Catalogna tra il 1991 e il 1996. La sua strenua opposizione al separatismo ha portato il PP a ottenere i migliori risultati in Catalogna. Tuttavia, lo mise nel mirino del presidente catalano, Jordi Pujol di Convergencia i Unió (il partito predecessore della Junts). Nel 1996, Pujol sostenne José María Aznar, leader nazionale del PP, per la presidenza della Spagna. Una delle sue condizioni era che Aznar licenziasse Vidal-Quadras, che dovette lasciare il suo posto. Successivamente, Vidal-Quadras è stato vicepresidente del Parlamento europeo tra il 1996 e il 2014. Nel 2014 ha lasciato il PP ed è diventato uno dei fondatori di VOX. Vidal-Quadras si è ritirato dalla nel 2015, anche se ha continuato a essere pubblicamente attivo in vari media.

Due persone hanno orchestrato l'attacco. Una gli ha sparato alla testa, mentre l'altra ha fatto fuggire l'aggressore. Sebbene Vidal-Quadras sia stato colpito alla bocca, non è in pericolo di vita. Inizialmente alcuni media avevano ipotizzato la possibilità di una rapina, ma la notizia è stata presto smentita. Anche l'Iran è stato incolpato a causa dei rapporti di Vidal-Quadras con gruppi dell'opposizione iraniana. È ancora troppo presto per stabilire chi ci sia dietro l'attacco, ma Vidal-Quadras era un bersaglio facile. A differenza di molti politici, non ha alcuna protezione.

È anche noto per la sua opposizione al separatismo ed è legato al PP e al VOX. Indipendentemente dalle intenzioni di chi ha sparato, questo attacco rappresenta un importante fattore di destabilizzazione della situazione attuale. Poco prima di essere colpito, Vidal-Quadras ha pubblicato questo messaggio su Twitter:

È già stato concordato il famigerato patto tra Sánchez e Puigdemont, che schiaccia lo Stato di diritto in Spagna e pone fine alla separazione dei poteri. La nostra nazione cesserà così di essere una democrazia liberale e diventerà una tirannia totalitaria. Noi spagnoli non lo permetteremo.

L'attacco ha suscitato massicce manifestazioni di affetto e sostegno sui social network, ma non sono mancate le reazioni negative. I giovani di Junts sono scesi in campo su X per esprimere la loro esultanza: “Questo è il modo per distruggere il fascismo! Torniamo ai tempi in cui ‘cacciare' questa gentaglia era un dovere”. Questo è il partito con cui i socialisti hanno stretto un patto per ottenere “coesistenza e stabilità”.

Le proteste continuano

Il 9 novembre, per la settima notte consecutiva, migliaia di manifestanti sono scesi in strada per protestare davanti alle sedi del Partito Socialista in città come Alicante, Almería, Barcellona, Cáceres, Granada, Malaga, Murcia e Siviglia, tra le altre. A Madrid hanno manifestato più di 10.000 persone. È stata la manifestazione più grande finora. Come è accaduto martedì scorso, alcuni manifestanti incappucciati hanno lanciato razzi contro la polizia, provocando la carica degli agenti antisommossa. Anche in questo caso, la polizia non si è fatta scrupolo di usare gas lacrimogeni e proiettili di gomma, materiale non utilizzato contro le proteste ben più violente dei separatisti catalani. La notte ha portato a 14 arresti.  

Le proteste hanno fatto crescere il profilo della situazione a livello internazionale e sempre più persone stanno rivolgendo la loro attenzione alla Spagna. A Bruxelles, la Commissione europea è stata informata della violazione dello stato di diritto in Spagna grazie a una campagna di informazione di Jorge Buxadé, capo della delegazione europea di VOX. Egli sta fornendo a tutti i commissari e agli eurodeputati i comunicati della magistratura che respingono l'amnistia. Resta da vedere se la Commissione sarà così ferma con Sánchez come lo è stata con i governi polacco e ungherese.

Le proteste stanno anche dimostrando che gli spagnoli non si arrendono. Oltre alle manifestazioni quotidiane davanti alle sedi dei socialisti, nelle prossime settimane sono previste grandi mobilitazioni. Anche se Sánchez giurerà come presidente, la tensione continuerà. Santiago Abascal, che ha partecipato alla manifestazione di Ferraz, ha detto chiaramente che la resistenza civile continuerà e che “la fine di questo golpe può essere solo: il dittatore sul banco degli imputati o quelli di noi che si oppongono a lui in prigione”.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x