Stalking bancario: quando il recupero crediti è illegittimo

Prendiamo spunto da una lettera inviata ieri da un lettore al Secolo d’Italia per parlare di un tema sempre più attuale, quello dello stalking bancario. Il lettore consegna al giornale un’incredibile testimonianza personale che lo vede coinvolto in prima persona in una vera e propria persecuzione da parte delle società di recupero crediti sguinzagliate da Unicredit per un piccolo prestito non restituito contratto neppure da lui, ma da un suo conoscente, al quale aveva fatto da garante.

Telefonate ad ogni ora del giorno, fatte anche nelle sedi di lavoro,d ove invece dovrebbe essere rispettata la sua privacy, da operatori telefonici che parlano a malapena l’italiano, visto che molte di queste società hanno filiali in Romania. Il fenomeno delle società di recupero crediti che, come predatori affamati, danno la caccia ai debitori è sempre più dilagante, e non sono rari i casi in cui gli operatori telefonici ricorrono a mezzi poco ortodossi: non si fanno scrupoli, per esempio ad alzare la voce, minacciare l’intervento di esattori o preannunciare imminenti espropriazioni immobiliari.
Del resto il problema dei prestiti bancari non restituiti è molto sentito in Italia.

Negli ultimi anni abbiamo visto i crediti deteriorati gonfiare, fino a diventare una vera e propria montagna: alla fine del 2015, gli Npl (non performing loans) ammontavano a 340 miliardi: circa un terzo di tutte le sofferenze patite dalle banche dei paesi dell’Eurozona. Solo grazie a misure di emergenza adottate (nuove linee guida della Bce) lo stock di crediti non performanti in Italia ha visto l’avvio di una fase di riduzione a partire dal 2016.

Ma chi sono i veri responsabili di questa situazione? le famiglie o i piccoli imprenditori che non riescono più a rispettare le rate concordate con la banca? E che poi vengono lasciate in pasto ai predatori delle società di recupero? Sembra proprio di no.
In base ad una elaborazione sui dati di Banca d’Italia, si evince che il nostro sistema creditizio sia molto polarizzato. Spieghiamo meglio. La migliore clientela, pari al 10 per cento del totale, riceve ben l’80 per cento di tutti gli impieghi erogati dalle banche. Ma a differenza di quanto ci si dovrebbe attendere, è proprio qui che si annidano la stragrande maggioranza delle sofferenze. In pratica, a questa piccola fetta è riconducibile il 75 per cento dell’ammontare totale delle sofferenze. In buona sostanza i dati affermano che il primo 7% per cento di affidati – costituito quasi esclusivamente da grandi aziende, grandi famiglie e gruppi societari, sono stati la principale causa della crisi (e spesso del fallimento) di varie banche Italiane, salvate solo grazie ai soldi dei contribuenti italiani.

Dietro il problema dei crediti in sofferenza quindi non c’è solo la crisi ma soprattutto il rapporto “incestuoso” che certi banchieri hanno avuto con i creditori, mentre chi doveva vigilare, non lo ha fatto.

E’ evidente quindi che per risolvere il problema dei crediti a sofferenza non bastino ne le oscene normative europee (vedi bail-in), nè l’ipocrito controllo degli addomesticati “Stress Test”, nè tantomeno le società squalo di recupero crediti, che aggrediscono coloro che meno contribuiscono alla creazione del problema, comprando magari anche a meno del 12% de valore effettivo degli npl ceduti, e realizzando quindi, con le modalità sopra descritte ampi guadagni.
Occorre senza indugi tornare alla separazione tra banche ordinarie e banche d’affari, oltre che una commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario permanente, che smascheri a tempo debito le magagne dei prestiti agli amici degli amici.
Invece allo stato attuale, chi ci guadagna veramente? I debitori vessati da stalking bancario, molti dei quali saranno costretti a chiudere la loro azienda, oppure le Banche, comunque costrette a cedere questi npl recuperando solo gli spiccioli?

A guadagnarci ovviamente saranno sole le società di recupero crediti (che grazie a Bankitalia, Consob e BCE, i primi perchè non hanno fatto il loro mestiere, la seconda invece perchè ha preteso un rientro molto rapido che spinge le banche a liberarsi velocemente dei crediti vendendoli a prezzi stracciati).

E allora ben venga la proposta avanzata dal Senatore di Fratelli d’Italia Adolfo Urso che propone il riacquisto dei crediti deteriorati da parte dei debitori in sofferenza. Il disegno di legge riguarda un milione di soggetti, tra famiglie e piccole e medie imprese, che potranno riacquistare il proprio debito ad un prezzo ragionevole – il 20 % in più del prezzo a cui la banca lo stava vendendo a soggetti finanziari intermediari spesso a prezzi stracciati. Una misura d’equilibrio e soprattutto di buon senso, che riammette il debitore nel circuito produttivo garantendo comunque alle banche un giusto profitto.

Letizia Giorgianni
Letizia Giorgianni
O te ne stai in un angolo a compiangerti per quello che ti accade o ti rimbocchi le maniche, con la convinzione che il destino non sia scritto. Per il resto faccio cose, vedo gente e combatto contro ingiustizie e banche. Se vuoi segnalarmi qualcosa scrivimi a info@letiziagiorgianni.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,818FansLike
3,688FollowersFollow

Leggi anche

Disastro Di Stefano. Nuova figuraccia per il sottosegretario grillino agli Esteri

Scambia la 53esima edizione del meeting dell'ASEAN per il numero degli stati che lo compongono: 10 e non 53. Così, Manlio Di Stefano, dopo...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Disastro Di Stefano. Nuova figuraccia per il sottosegretario grillino agli Esteri

Scambia la 53esima edizione del meeting dell'ASEAN per il numero degli stati che lo compongono: 10 e non 53. Così, Manlio Di Stefano, dopo...

Clientelismo sinistro. Emiliano firma assunzioni in campagna elettorale.

Mancano due giorni all’election day, all’interno di una tornata elettorale che potrà stravolgere ulteriormente gli equilibri di potere in alcune Regioni storicamente rosse, e...

Meloni: sinistra bugiarda e spaventata dal voto. Sfido Zingaretti e Gualtieri.

"Una sinistra bugiarda e spaventata dal risultato del prossimo lunedì continua a dire che non avremmo proposte da dare agli italiani. Sfido pubblicamente Nicola...

Cina: fuga di batteri da un laboratorio fa ammalare 3000 persone

Sarebbero oltre 3000 le persone che si sono ammalate in Cina nord-occidentale dopo la fuoriuscita di batteri da un impianto biofarmaceutico che produceva vaccini...