mercoledì, Agosto 12, 2020

Tanto non se ne vanno

Mentre Di Maio – quello che Pinochet era un famoso dittatore venezuelano – spiega che i leader del centrodestra sono buoni solo per le televendite, la maggioranza che maggioranza non è, trova una sorta di accordo per tirare a campare almeno qualche altro mese, perché l’idea che molti di loro dovranno tornarsene a casa – e restarci! – è davvero intollerabile ai più.
Dopo una giornata che deve essere stata facile come un parto trigemellare, il premier Conte con la stessa aria tra il distrutta e il soddisfatta di una puerpera, è salito a sorpresa al Quirinale per annunciare a Mattarella che uno straccio d’accordo era stato trovato. E questo ci fa comprendere che c’era qualcun altro oltre ai soliti noti preoccupatissimo per l’evolversi della situazione, ‘il Capo in testa’, che anche lui non deve aver trascorso ore serene immaginando la caduta del governo, e una sua successiva posizione che lo avrebbe visto tra l’annuncio delle elezioni o un reincarico che avrebbe chiesto un bel coraggio e una notevolissima faccia di bronzo.
Così, alla fine, contente le prime due cariche dello stato che dopo un’estate tumultuosa se la giocano almeno su tranquille vacanze di Natale. E ecco allora il premier Conte concedersi ai giornalisti per i necessari annunci. “Abbiamo lavorato per mettere a punto gli ultimi dettagli del ddl di Bilancio” ha annunciato. “ Abbiamo un quadro completo che, ferme restando le prerogative del Parlamento, segna un’intesa nella maggioranza.” Perciò ecco che ci fa sapere che la plastic tax scatterà non il prossimo aprile come previsto, ma a luglio, con un impatto ridotto dell’85%. Ancora dopo partirà la Sugar tax , che dovrebbe arrivare a ottobre prossimo – forse – così da dare modo alle varie aziende di settore di rimodulare la loro produzione. Azzerata la stretta sulle auto aziendali per non far dire ‘che siamo il governo delle tasse’, specifica Conte. Trovata quindi una mediazione sui nodi irrisolti, si potrebbe affermare. Però a ben vedere, questi nodi la maggioranza li ha creati prima di risolverli. Chi aveva parlato e deciso per la plastic tax? Chi aveva individuato nella sugar tax una buona raccolta di fondi per lo stato? E le auto aziendali, poi? Dunque, sono loro che prima creano il problema, poi trascorrono un paio di settimane a litigarci sopra, quindi cancellano la maggior parte del testo che avevano tanto faticosamente compilato, e rinviano quel poco che resta a data da destinarsi. Quindi, si presentano agli italiani tutti contenti e sostengono di aver risolto il problema.
E meno male che le televendite le fanno i leader della destra!

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,728FansLike
3,564FollowersFollow

Leggi anche

Avidita’ e mancanza di senso della misura: la gogna dei 600 euro

Non più tardi di 2 giorni fa è emerso che 5 deputati (3 Lega, 1 M5S e 1 IV, ma quest'ultima formazione politica ha...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Avidita’ e mancanza di senso della misura: la gogna dei 600 euro

Non più tardi di 2 giorni fa è emerso che 5 deputati (3 Lega, 1 M5S e 1 IV, ma quest'ultima formazione politica ha...

La mafia dei barconi opera da Bruxelles, sotto il naso della UE.

Dall'inizio dell'anno, oltre 4.000 migranti illegali su barche hanno raggiunto con successo le coste britanniche dalla Francia. I rapporti suggeriscono che una "Boat Mafia" clandestina...

Il Fatto tragicomico: attacca la Meloni, ma si smentisce da solo.

Oggi il Fatto Quotidiano pubblica un articolo nel quale sostiene che racconto frottole citando come fonte i dati di Pagella Politica, un sito nel...

La banda degli honesti colpisce ancora

Da quando si è saputo che 5 accattoni del Parlamento italiano hanno sfruttato una legge fatta coi piedi per sgraffignare il bonus di 600€...