Tessile Prato. Capecchi (FdI): “Serve tutela delle lavorazioni artigiane, si incentivi l’economia circolare”

Lana cardata, un esempio di arte antica e sostenibile nella filiera del tessile

“La Toscana è artigianato, è e l’esperienza di uomini e donne che tramandano una tradizione e una lavorazione in particolare del settore che tutto il ci invidia. Prato è la culla delle filature, della lavorazione dei tessuti e della lavorazione della lana cardata, un esempio di arte antica che oggi più che mai va salvaguardata in quanto esempio di sostenibilità nella filiera del tessile”. È il commento del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Alessandro Capecchi.

“Fratelli d’Italia ha presentato diverse mozioni in consiglio regionale a delle attività produttive, in particolare sulla promozione delle attività di artigianato tradizionali e artistiche della Toscana tramite progetti e iniziative rivolti agli delle scuole elementari e medie e una, approvata lo scorso gennaio, con cui si impegna la giunta regionale a riconoscere la necessità di sostenere la filiera toscana della ”, sottolinea Capecchi.

“Il settore è certamente vasto e centrale per l’ territoriale e merita il degno riconoscimento e la giusta attenzione da parte delle istituzioni. Prato, in particolare, è sinonimo di grande qualità nella lavorazione del tessuto ed è in grado di offrire una filiera ‘green’ tramite l’ circolare. Una particolarità tutta pratese quella di saper creare un tessuto tutto nuovo da fibre di tessuti di scarto. Servono dunque norme adeguate per favorire il recupero degli scarti tessili – conclude Capecchi – in questo senso è importante salvare e tutelare lavorazioni artigianali come la lana cardata, che recupera e rigenera il tessuto, e sostenere e incentivare l’ circolare. In tutto ciò alla Regione spetta un ruolo preponderante, altrimenti si dichiara di volere una ‘Toscana green’ solo a parole e di voler essere a fianco delle mentre queste sono in grande sofferenza. Serve un concreto a delle nostre eccellenze, altrimenti il rischio è quello di condannarle a morte”.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,508FansLike
5,564FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x