The Lancet marcia con i BLM: “razzismo è problema di salute pubblica”.

La rivista medica Lancet elogia le proteste di Black Lives Matter nel suo ultimo numero, sollecitando un maggiore attivismo per superare la supremazia bianca.

In un articolo intitolato “Il razzismo è la crisi della salute pubblica”, il professore britannico di studi neri Kehinde Andrews afferma che il movimento Black Lives Matter “deve essere visto nel più ampio contesto delle mobilitazioni durante il 20° secolo, che vanno dai diritti civili e dal Black Power ai movimenti del terzo mondo in tutto il mondo”.

Il razzismo deve essere affrontato come un problema sistemico incorporato nella società occidentale e nelle sue istituzioni, insiste Andrews, piuttosto che un problema di pregiudizi individuali.

Un modello sfortunato può essere individuato nel modo in cui la società occidentale affronta le crisi di razzismo che coinvolgono “lo shock, lo stringersi delle mani e l’impegno a cambiare, ma nessun impegno per il sistemico”, lamenta Andrews.

“Il razzismo è tipicamente ridotto ad atti individuali di pregiudizio o visto come una serie di flashpoints, di solito innescati da qualche atto violento”, scrive. “Quando si confrontano con una verità inevitabile sulla natura della disuguaglianza, alcuni politici e responsabili politici sembrano riluttanti a venire a patti con le realtà del razzismo strutturale”.Come esempio, Andrews afferma che “l’impatto sproporzionato del COVID-19 sui gruppi minoritari razziali non è una questione di genetica ma di oppressione razziale”.

“Il fatto che le comunità di minoranze razziali hanno anche molte più probabilità di avere comorbidità dovrebbe essere un promemoria che le disparità sanitarie razziali esistono per molti risultati di salute”, sostiene.

L’impatto razziale del coronavirus è solo un sintomo di un problema sottostante, suggerisce Andrews, che è a sua volta il risultato della “supremazia bianca”.

“Una volta che colleghiamo i puntini tra le disuguaglianze di salute e la più ampia oppressione razziale, allora capiamo che il razzismo è la condizione sottostante”, dichiara.

“La supremazia bianca è l’idea che ci sia una gerarchia inerente alla catena degli esseri umani, con i bianchi in cima e i neri in fondo”, afferma Andrews, che aiuta a spiegare la povertà dell’Africa subsahariana.

“La povertà globale si inserisce perfettamente nel quadro della supremazia bianca, con l’occidente più ricco e alcuni paesi più poveri”, afferma. “Che alcuni paesi dell’Africa abbiano la più bassa aspettativa di vita del pianeta non è una coincidenza. L’ingiusto ordine razziale è un fattore chiave delle sfide sanitarie in Africa”.

“Il razzismo è una caratteristica che definisce i paesi occidentali, creando una società in cui la vita nera è svalutata”, conclude Andrews. “La gerarchia della supremazia bianca crea una distribuzione ineguale delle risorse e significa che la di coloro che non sono bianchi sono soggetti a varie disuguaglianze di salute”.

“Per far sì che le vite nere contino, dobbiamo capire che il razzismo è una crisi di salute pubblica”, conclude.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,387FansLike
5,897FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x