Tim: Butti (FdI), governo pretenda chiarezza da Kkr: rilancio o dismissione

No a spezzatino e si tuteli interesse nazionale

“Fratelli d’Italia non tollererà uno spezzatino o una separazione della rete che accolli sui cittadini pubblici i costi e i debiti generati dalla gestione dissennata dei privati. È finita l’epoca della socializzazione dei debiti e della privatizzazione degli utili. Vogliamo sapere se il piano di Kkr sarà di rilancio o di dismissione di Tim. Su questa vicenda il governo pretenda trasparenza perché ci sono quasi 9 miliardi di euro in ballo sulle gare per la posa di banda ultra larga e per il cloud e faccia sapere agli italiani se è per mantenere la competizione e la concorrenza infrastrutturale oppure se vuole una rete unica e pubblica. Per è improrogabile l’uscita di Cassa Depositi e Prestiti da questo ambiguo conflitto di interessi: non è possibile che lo Stato attraverso CDP faccia parte di due società che si contendono il mercato e che sono fra loro antagoniste. Il governo dei migliori sia tale nel rappresentare le aziende, la professionalità e le tecnologie italiane che devono essere valorizzate e tutelate così come deve essere sempre tutelato l’interesse nazionale”.

Così Alessio Butti, deputato e responsabile Media e Tlc di Fratelli d’Italia, intervenendo in Aula sull’informativa urgente del ministro Giancarlo Giorgetti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,630FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati