Torselli-Draghi (FdI): “Firenze come Islamabad, skyline con moschee e minareti in via della Casella. Tutto regolare?”

“Due pesi, due misure. L’ennesima dimostrazione che a Firenze, la città amministrata da Nardella e dal Pd, con la supervisione di Giani, i diritti degli italiani contano meno di quelli degli stranieri giunge oggi da via della Casella.

Per anni, questo angolo di città ha ospitato un centro islamico. O meglio, un ‘centro culturale’ che in realtà nascondeva una vera e propria moschea, la quale – nonostante le centinaia di segnalazioni da parte dei cittadini – è rimasta beatamente al proprio posto, a testimonianza di come, evidentemente, le regole in via della Casella non valgono nulla.

Oggi, arriva addirittura un salto di qualità! Insegne scintillanti, colori sgargianti – in perfetto stile Islamabad – che niente hanno a che vedere con Firenze e la Toscana. Peccato che se un commerciante fiorentino mette una fioriera davanti al proprio negozio o un ristorante una ‘pericolosissima’ lavagna per illustrare il proprio menù, in meno di cinque minuti arriva la salatissima multa!

Certo, sindaco Nardella, una lavagnetta o una fioriera deturpano il paesaggio fiorentino, al contrario, di un bello skyline di un paese arabo, con minareti e moschee!

Sembra uno scherzo di pessimo gusto, invece così di vive nella città di Nardella, del Pd e di Giani, che ogni giorno assomiglia più a Islamabad e meno alla Firenze dei nostri nonni”. Lo dichiarano Francesco Torselli e Alessandro Draghi, rispettivamente capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale e a Palazzo Vecchio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,674FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati