Tra e Renzi è pareggio, ma manca un’idea di Italia

54 views

Il giorno dopo il confronto tv tra Matteo Renzi e tutta l’Italia politica e non si interroga su chi abbia prevalso. Capiamoci subito, quello di ieri sera è stato un importante momento di democrazia, che in Italia non si vedeva sulla tv di Stato dal lontano 2006, e cioè dai tempi del confronto tra Berlusconi e Prodi. Un’altra era politica, il che conferma anche quanto sia ancora gracile la nostra democrazia dell’alternanza.

Tornando al confronto di ieri è difficile dire chi sia uscito vincitore, ma è molto facile dire chi sia lo sconfitto: l’Italia. I due Mattei se le sono date di ‘santa ragione’, spesso con colpi sotto la cintura. Papeete contro Courmayeur; 49 milioni contro lo scandalo delle banche; Quota 100 contro bonus 80 euro; porti chiusi contro migranti raccolti in mare. E l’elenco potrebbe essere ancora più lungo. Ma in questo bailamme di accuse e contro accuse non pervenuta è l’Italia, nel senso di visione di Paese. Per lo più è rimasta sullo sfondo, evocata più come una suggestione, tirata in ballo quando si è voluto rivendicare quanto fatto nelle precedenti esperienze di governo.

E bisogna dire che i due si sono esercitati molto in continui riferimenti al passato. Da un lato che rievocava la sua azione come ministro nel precedente governo; dall’altro Matteo Renzi che addirittura si è arrampicato fino a 3 governi fa, vantando le misure e i provvedimenti approvati, quasi come se le due pesanti sconfitte elettorali (referendum e politiche del 4 marzo 2018) non siano mai avvenute. In questo entrambi sono apparsi sulla stessa lunghezza d’onda, accomunati da una medesima sindrome, incapaci di elaborare il lutto e cioè l’uscita dal governo.

Detto questo, alla fine il confronto li ha visti sostanzialmente pari, con un Renzi molto più positivo e brillante nella prima parte e poi nella seconda con un in recupero. In generale ognuno ha voluto parlare al suo mondo. Il Matteo leghista con le sue tabelle e i suoi numeri ha riproposto al pubblico l’immagine di un politico concreto, di un uomo del fare che non si perde in promesse e chiacchiere. Dall’altro lato il Matteo fiorentino che aveva bisogno di dire al suo pubblico che c’è ancora, che la verve dei tempi di Palazzo Chigi tra slide, carretti del gelato e ‘generazione Telemaco’ è sempre lì.

Ma c’è dell’altro. Se certamente non era facile per questo confronto e in pratica, usando una terminologia calcistica, lui aveva tutto da perdere, era chiaro che questo face to face era un’occasione irripetibile. E per entrambi. Infatti, per due ore hanno fatto tabula rasa di tutto lo scenario politico. Alzi la mano chi in quei 120 minuti si è ricordato di Giuseppe Conte, di Luigi Di Maio e di Zingaretti? Che c’era un governo fatto da M5S e Pd e che in quelle stesse ore a Palazzo Chigi era in discussione la manovra finanziaria?

Quasi nessuno, e l’obiettivo dei due Mattei era proprio questo. Legittimarsi a vicenda, occupare tutto il palcoscenico politico dicendo agli italiani che la lotta politica per l’Italia del futuro è tra loro due. O è almeno quello che loro sperano.

Un disegno a cui la Rai, Servizio pubblico, potrebbe e dovrebbe sottrarsi. Perchè in fin dei conti Renzi e sono due leader, ma dei rispettivi partiti e la strada per conquistare le coalizioni è lunga, soprattutto per quanto riguarda il Matteo fiorentino. Perciò, ed è la domanda che sarebbe bello che iniziasse a circolare a viale Mazzini: a quando il prossimo confronto? E se fosse tra , unica donna leader di partito (è sempre bene ribadirlo), e Luigi Di Maio?

Guido Forte
Guido Forte
“Tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido, Una figura non è mai stabile davanti a noi, ma appare e scompare incessantemente”.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,961FansLike
4,058FollowersFollow

Leggi anche

Manovra, Meloni: è la patrimoniale il regalo di Natale agli italiani della sinistra

«E alla fine in un emendamento presentato dalla sinistra alla manovra spunta la patrimoniale. Ecco la loro risposta alla crisi, il loro regalo di...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Manovra, Meloni: è la patrimoniale il regalo di Natale agli italiani della sinistra

«E alla fine in un emendamento presentato dalla sinistra alla manovra spunta la patrimoniale. Ecco la loro risposta alla crisi, il loro regalo di...

Manovra, Meloni: PD, LEU, M5S non credono nelle loro stesse leggi, perchè dovrebbero farlo italiani?

«Su 7 mila emendamenti presentati alla manovra di Conte, Gualtieri, Di Maio, Renzi e Speranza, quasi 3 mila arrivano dai partiti di Conte, Gualtieri,...

Alluvione in Sardegna, Meloni: addolorata per le vittime e solidarieta’ ai cittadini. Grazie A Protezione Civile, Forze Dell’Ordine e Vigili Del Fuoco

«Solidarietà ai cittadini di Bitti e di tutta la Sardegna colpiti da un’alluvione. Sono profondamente addolorata per le vittime. Grazie di cuore a Protezione...

Covid: Ministero dei trasporti senza coraggio e capacità di pianificazione.

Si ritorna a parlare di TPL dedicato agli studenti, trasporto scolastico da non confondere con lo scuolabus, bene di altro spessore tutelato dai Comuni. Il...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x