Trento. Urzì (FdI): Aumentati attacchi di filo-anarchici ed ecovandali, continuiamo su strada fermezza

“Ieri notte il palazzo della Procura di Trento è stato preso di mira da alcuni filo-anarchici. Vetri rotti a sassate e scritte contro il 41 bis e contro il Ministro della Giustizia Carlo Nordio. Esprimo tutta la mia solidarietà al nostro Ministro, certo che non si farà intimidire da questi teppisti. E come lui non si farà intimidire nessun esponente delle istituzioni. Lo Stato e i suoi rappresentanti sono sempre vigili e in allerta: proprio oggi, infatti, la questura di Trento ha fermato tre attiviste di Ultima Generazione all'esterno del Palazzo della Regione Trentino- Alto Adige in possesso di bottiglie con liquido colorato. Sarebbe stata l'ennesima inutile provocazione – nello specifico contro il Festival dell' – di questo gruppo di stolti giovinastri che credono di agire in favore dell'ambiente imbrattando monumenti e palazzi. Purtroppo rilevo che da quando si è insediato questo governo, queste vere e proprie provocazioni, atti vandalici e inneggianti alla violenza sono aumentati a dismisura da parte di quelle frange della sinistra più estrema che -diciamolo francamente – non vengono quasi mai stigmatizzati dagli esponenti istituzionali del centrosinistra. Si continui sulla strada della fermezza: non possiamo di certo smettere di costruire l'Italia del futuro per colpa di quattro ragazzotti arroganti”. Lo dichiara Alessandro Urzì, deputato altoatesino di Fratelli d'Italia e coordinatore regionale del partito.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x